A- A+
Economia
Sanofi nella bufera: 4 milioni di benvenuto al nuovo ceo

Sanofi nella bufera in Francia per i super bonus. Il gruppo farmaceutico francese infatti finisce nel mirino del governo per il bonus di benvenuto concesso al nuovo ceo, Olivier Brandicourt. L'amministratore delegato potra' godere di un bonus straordinario di 4 milioni di euro, in aggiunta alla paga di 42 milioni l'anno.

Il portavoce del governo francese, Stephane Le Foll definisce "inconprensibile" il super bonus. "Questa gente - dice il portavoce - prima ancora di prendere le redini di un'azienda, cioe' senza ancora essersi assunto nessun rischio, si sono gia' assicurati un pacchetto sproporzionato".

La paga di Brandicourt prevede 1,2 milioni di euro l'anno di stipendio, piu' un reddito extra legato alle prestazioni dell'azienda pari al 150-250% dello stipendio e delle stock option. In aggiunta, l'azienda ha stabilito il super bonus da 4 milioni di euro come compenso extra per compensare la perdita dei benefit che percepiva alla Bayer.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
sanofibonusolivier brandicourtstipendi
i più visti
in evidenza
Ferragni spettacolare a Parigi Calze a rete e niente slip

Le foto delle vip

Ferragni spettacolare a Parigi
Calze a rete e niente slip


casa, immobiliare
motori
Renault svela gli interni della nuova Austral

Renault svela gli interni della nuova Austral

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.