A- A+
Economia
Fisco, stop al segreto bancario. Firmano anche le Cayman. Presto la Svizzera

L’Ocse lancia un assist alla voluntary disclosure italiana. I rappresentanti di 51 Paesi e giurisdizioni facenti parte del Global forum dell’Ocse sulle questioni fiscali hanno siglato ieri a Berlino l’accordo che prevede la fine del segreto bancario a partire dal 2017. aumenta dunque, con lo scambio di informazioni fiscali, la probabilita’ di essere individuati per chi ha  capitali nascosti all’estero ponendo quindi l’alternativa offerta dall’autodenuncia inserita nella procedura di collaborazione volontaria come ultimo treno per la tranquillità fiscale. tanto che ieri il ministro dell?economia italiano pier carlo padoan, dopo la firma dell’accordo ha scritto su twitter: "L’Italia sta facendo molto contro l’evasione fiscale e l’accordo di oggi rafforzerà anche l’impatto della voluntary disclosure".

Il nuovo standard per lo scambio di dati tra le giurisdizioni Ocse (51 su 123 partecipanti al Global Forum), già approvato da parte dei ministri delle finanze del G20 in occasione della riunione di fine settembre a Crains, in Francia, prevede la condivisione automatica su base annua delle informazioni riguardanti i conti correnti, i dividendi, gli interessi ricevuti e i redditi derivanti dalla sottoscrizione di polizze assicurative da parte dei propri contribuenti, siano essi privati cittadini, entità giuridiche, fondazioni o trust. Non solo. A fornire questi dati dovranno essere in primis le banche ma anche i broker, le compagnie di assicurazione oltre ad alcuni veicoli di investimento collettivo.

Il Global Forum stabilirà poi un processo di peer review necessario per assicurare l’effettiva applicazione dei termini stabiliti dal programma a livello bilaterale assicurando l’efficacia del sistema. A questo si aggiunga la decisione dei governi dei 51 Paesi di far rientrare nel grande flusso di informazioni condivise anche quelle relative ai beneficiari di entità legali. "Stiamo completando la voluntary disclosure e questo accordo ne rafforzerà l’impatto" ha sottolineato Padoan. L’accordo raggiunto ieri in Germania consentirà infatti ai Paesi firmatari di condividere in maniera automatica le informazioni con effetto retroattivo sui conti correnti aperti a partire dal 2015.

Tags:
segreto bancarioocse
S
i più visti
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente


casa, immobiliare
motori
Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.