A- A+
Economia
Cgil-Cisl non sono fianco a fianco: una sedia vuota divide i sindacati

Sindacati divisi. E non è solo un modo di dire. La Cgil di Susanna Camusso e la Cisl di Raffaele Bonanni si sono schierati spesso su fronti opposti. Molto più critica la prima (prima con il governo Monti e poi con Matteo Renzi). Più misurato il secondo. Un atteggiamento che si è notato anche nell'atteggiamento che i due sindacati hanno avuto durante il nodo Rai.

Entrambi proclamano lo sciopero per l'11 giugno. Entrambi protestano contro il taglio da 150 milioni al bilancio di Viale Mazzini e i rischi occupazionali. Poi, la Commissione di Garanzia interviene e definisce lo sciopero "illegittimo". Camusso e Angeletti non arretrano: Cgil e Uil incroceranno le braccia. La Cisl, invece, ci ripensa. Non farà ricorso alla decisione del garante. Il disappunto resta, lo sciopero no.

A poche ore dalla spaccatura, Angeletti, Camusso e Bonanni si ritrovano fianco a fianco. Anzi, non proprio. Intervenuti all'Ara Pacis per il convegno “4 giugno 1944: il Patto di Roma, un sindacato libero nell'Italia liberata”, i tre leader hanno preferito prendere le distanze, grazie a una sedia vuota. La dimostrazione plastica di un rapporto teso.  

Tags:
sindacaticgilcisluil

i più visti

casa, immobiliare
motori
Lancia firma il suo primo monopattino elettrico

Lancia firma il suo primo monopattino elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.