A- A+
Economia


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)

"Non ci sono ancora elementi per esprimersi". Così il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi risponde alla domanda di Affaritaliani.it se il 2014 sarà l'anno della ripresa economica. Quanto all'annuncio del ministro dell'Economia Saccomanni - 'Nel 2014 le tasse caleranno. E' l'anno della svolta e la ripresa si consoliderà e gli italiani pagheranno meno' - il leader di Viale dell'Astronomia si limita a commentare: "Speriamo che sia vero".

Squinzi poi interviene più dettagliatamente sullo spread, sceso nei giorni scorsi sotto quota 200 punti. E la sua suona come una doccia fredda: "Sicuramente è una buona notizia, ma non spacciamola come una grande vittoria. Il differenziale spagnolo è calato più del nostro e quindi non è una buona notizia solo per l'Italia. Si tratta di una minore tensione sui mercati". Insomma, giusto per frenare l'entusiasmo del governo, "non spacciamolo come una grande vittoria...".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
squinzi
i più visti
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici

Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.