A- A+
Economia
equitalia cartella

Equitalia si ammorbidisce. Non sarà possibile alcun pignoramento sui conti correnti bancari o postali dove vengono versati stipendi e pensioni. Un provvedimento che allenta la presa sui correntisti e che avrà "decorrenza immediata" per i contribuenti lavoratori dipendenti o pensionati. I pignoramenti "saranno attivati solo dopo che sia stato effettuato il pignoramento presso il datore di lavoro e/o l'ente pensionistico e che, in ragione delle trattenute accreditate, il reddito da stipendio o pensione risulti pari o superiore a 5 mila euro mensili".

Non è l'unica apertura di giornata per chi guarda con timore a Equitalia. ''L'amministrazione finanziaria utilizzerà il redditometro per rilevare la cosiddetta evasione 'spudorata', ossia coloro che hanno spese elevatissime di fronte ad un reddito dichiarato esiguo. Il nostro obiettivo è individuare coloro che non dichiarano, o dichiarano molto poco, ma che hanno una capacità di spesa notevolissima non giustificata. E' uno strumento molto delicato, che useremo solamente nei casi piu' eclatanti''. Lo ha detto Attilio Befera, direttore dell'Agenzia delle Entrate, nel corso del forum nazionale ''Nuovi strumenti di lotta all'evasione. Difesa del contribuente e orientamento della giurisprudenza'', organizzato dall'Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli, presieduto da Vincenzo Moretta. ''Daremo inoltre spazio molto ampio al contraddittorio - ha continuato Befera - Possono essere numerosi i motivi per cui si spende senza avere acquisito reddito. Ma ci sono anche casi di persone che viaggiano a livelli di spesa elevatissimi, non dichiarano nulla e magari hanno anche agevolazioni dallo Stato''. ''Per combattere l'evasione è necessaria una task force europea, che preveda una collaborazione tra l'Italia e gli altri paesi UE per individuare i capitali portati all'estero'', ha sottolineato Vincenzo Moretta, presidente Odcec Napoli. ''Il rientro di queste somme, che sono molto numerose, potrebbe generare un abbassamento della pressione fiscale''.

''I commercialisti - ha ribadito Moretta - sono in prima linea contro l'evasione fiscale, e puntano a tutelare il gettito delle entrate insieme all'amministrazione finanziaria e alla Guardia di Finanza. Siamo favorevoli al redditometro anche se riteniamo sia uno strumento da non esasperare e che sia fondamentale tutelare le famiglie povere ed i pensionati''.

Tags:
equitaliapignoramentiredditometro

i più visti

casa, immobiliare
motori
Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.