A- A+
Economia
Subappalto, caos dopo la sentenza Ue. Subito un decreto legge

Di Lucio Lacerenza

Il limite del 30% delle attività subappaltabili è contrario alla normativa europea. Questo il verdetto della Corte di Giustizia che con la sentenza C-63/18 ha scardinato una delle norme più controverse del codice degli appalti (art. 105).
La decisione, come prevedibile, sta generando incertezze tra le imprese, ma soprattutto nelle stazioni appaltanti che in sede di predisposizione dei bandi di gara devono tener conto di quanto sancito dai Giudici europei.
La pronuncia, che piomba su un codice già oggetto di critiche sotto molti profili, rischia alimentare un fiume di ricorsi che potrebbero ingessare il settore degli appalti. 
Urge, pertanto, un decreto legge che prenda atto della sentenza ed allinei la normativa italiana sul subappalto ai principi comunitari di favore per la concorrenza.
 

Commenti
    Tags:
    subappaltosubappalti decreto legge
    Loading...
    Loading...
    i più visti

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Citroen C5 X, ritorna l'ammiraglia

    Citroen C5 X, ritorna l'ammiraglia

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.