A- A+
Economia
Casa, arriva la stangata Tasi. Ecco quanto si pagherà città per città

Certo, la nuova addizionale comunale dello 0,8 per mille, introdotta dal decreto omnibus appena varato dal governo Renzi, sarà stata adottata per finanziare il ritorno delle detrazioni per le fasce più deboli, decadute nel passaggio dall'Imu alla Tasi. E avrà quindi un effetto redistributivo sulla ricchezza. Ma nella stragrande maggioranza dei casi la nuova tassa sui servizi indivisibili a cui saranno soggette nel 2014 tutte le abitazioni sarà più pesante della vecchia Imu di Mario Monti.

Senza detrazioni, secondo le stime effettuate dalla Uil Servizi territoriali, l’aliquota Tasi al 2,5 per mille porterebbe i cittadini di molte città (ad esempio Bologna, Genova e Milano) a sborsare più quattrini di quanto sia avvenuto con l’Imu. Se poi l’aliquota salisse per consentire ai sindaci di finanziare gli sconti, il sorpasso Tasi-Imu si verificherebbe in moltissimi comuni anche con le detrazioni.

GUARDA INFATTI LE SIMULAZIONI DI PRELIEVO CITTA' PER CITTA' CON DUE IPOTESI DI ALIQUOTA AUMENTATA DELL'ADDIZIONALE: 2,9 PER MILLE E 3,3 PER MILLE >>>>>>>>>>  (la Tasi è calcolata sulle rendite medie nazionali e per città in base a tutte le classi catastali - A/2, A/3, A/4, A/5, A/7- rapportate ad una casa di 5 vani. Media figli: 1,4. Dati in euro):

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
tasialiquotacasadetrazioni
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Toyota presenta la nuova Corolla Cross

Toyota presenta la nuova Corolla Cross

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.