A- A+
Economia
Nuova tassa, la "stradale". La pagheremo con le bollette di luce e gas

“Stiamo lavorando con il Governo per istituire una tariffa stradale che, sulla base di un piano di investimenti pluriennale, dia risorse certe di autofinanziamento”.
 
Lo ha detto il presidente di Anas, Gianni Armani, a margine di un’audizione alla commissione Ambiente dell aCamera. Secondo Armani, occorre “introdurre un modello tariffario prendendo a riferimento i sistemi di tariffazione per altri servizi di rete regolamentati (energia elettrica, gas, acqua, telecomunicazioni e aeroporti) per finanziare in modo adeguato gli investimenti oggi a carico della fiscalità generale”. Un modello di tariffazione “non a pedaggio”, ha spiegato Armani. Sarà necessario “definire i livelli di servizio a favore dell’utenza/clienti ed i corrispondenti parametri tariffari”, ha poi aggiunto Armani, precisando che “il modello tariffario dovrà in ogni caso garantire, unitamente all’integrazione del canone di concessione e agli altri ricavi connessi alla gestione della rete: la copertura dei costi operativi, il rimborso del capitale investito, la remunerazione del capitale investito”. L’Ad di Anas ha poi sottolineato la necessità di “adeguare la durata della concessione almeno fino al 2052".

Tags:
tassatasseanasbollettastradastrade

in evidenza
Totti e Noemi bollenti al mare Vacanze romane per la neo coppia

Paparazzati a Sabaudia-FOTO

Totti e Noemi bollenti al mare
Vacanze romane per la neo coppia


casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.