A- A+
Economia

 

 

bernabè

Due volte sull'altare, due volte nella polvere. A Franco Bernabe', presidente esecutivo dimissionario di Telecom Italia, raffinato e caustico manager altoatesino, e' toccato il destino di essere seduto due volte sullo stesso trono, quello di Telecom, e due volte da quel trono di essere caduto.

Nato a Vipiteno, 65 anni, figlio di ferroviere, per seguire il padre fa le elementari a Innsbruck, dove impara il tedesco, le medie a Torino, dove studia francese, fa parte del liceo in Oregon, Stati Uniti, dove conquista anche l'inglese. Giovane studioso brillante, gia' temprato alle difficolta', con un'impostazione 'open mind', si laurea in Economia a Torino. Qui viene notato e 'cresciuto' dal professor Franco Reviglio, ministro socialista. Dopo una breve parentesi da ricercatore e senior economist all'Ocse di Parigi, entra all'ufficio studi Fiat e poi fa il salto in Eni. Qui, da enfant prodige e sotto gli occhi benevoli di Giuliano Amato e Francesco Cossiga, fa una folgorante carriera che lo porta fino alla poltrona di a.d., su cui siede in una fase delicatissima: dal 1992 al 1998. Nel pieno della bufera di Tangentopoli, conduce la ristrutturazione e la privatizzazione del gruppo petrolifero. Il suo successo e' tale che nel 1998 viene scelto come a.d. di un altro scottante colosso: Telecom. La societa' di telefonia e' stata appena privatizzata sotto la presidenza di Guido Rossi e il governo Prodi, ma il sogno di affidarla a una cordata italiana non si e' concretizzato (il 'nocciolino' duro, con capofila gli Agnelli, detiene solo il 6,62% delle azioni, troppo fragile).

Bernabe' ha il compito di ristrutturare anche questo gruppo, ma la sua impresa dura appena quattro mesi. A giocargli il colpo fatale e' il suo "no" secco all'Opa ostile lanciata da Colannino di Omnitel con gli altri 'capitani coraggiosi' alla Gnutti, con il beneplacito del governo D'Alema. L'austero Bernabe' e' contrario, considera "lacunoso" il piano (un'Opa a debito, dove i 61 mila miliardi di vecchie lire necessari per la scalata sono prestati dalle banche), ma viene disarcionato. E' il febbraio 1999 quando il manager deve dimettersi. Prima pero', nel salutare i dipendenti, dice: "Cari politici, state lasciando che la societa' sia appesantita da una montagna di debiti da cui non si riavra' piu'". Bernabe' allora si mette in proprio e investe nel settore delle telecomunicazioni. Fino a dicembre 2007, quando il "sistema", con un accordo tra Bazoli e Geronzi, lo richiama come a.d. di Telecom.

Ma prima ancora alla guida della societa', dopo i Colaninno, era arrivato Tronchetti Provera, e i debiti affossano ogni speranza di rilancio della compagnia. Da qui l'ingresso delle banche affiancate dagli spagnoli di Telefonica. Il richiamato Bernabe' lavora, riorganizza, ad aprile 2011 diventa presidente esecutivo di Telecom. Fino all'ultimo capitolo, quando punta allo scorporo della rete e si oppone (ancora) a un eccessivo alleggerimento degli investimenti esteri, cioe' in Argentina e in Brasile, chiede una "necessaria ricapitalizzazione". Ma i soci italiani ancora una volta la pensano in modo diverso. E anziche' ricapitalizzare, il 24 settembre scorso diluiscono la loro quota cedendo a Telefonica il controllo di Telco, la holding che ha in pancia il 22,4% di Telecom. Il 25 settembre Bernabe' dice di aver appreso dell'operazione 'dai comunicati'. Da quel giorno le sue dimissioni diventano gia' una certezza.

Tags:
telecomfranco bernabè

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.