Incalzata dall'Authority guidata da Giuseppe Vegas a chiarire alcune informazioni, Telecom risponde alla Consob sul convertendo, il prestito obbligazionario da 1,3 miliardi varato a inizio novembre, spiegando di aver "considerato l'operazione come misura tra parti correlate di maggiore rilevanza" ed "è stato effettuato l'iter istruttorio e decisionale di garanzia previsto".

Il Cda, si legge in una nota, è tornato a votare sulla scorta del parere dei consiglieri indipendenti e ha approvato l'operazione in cui Banca Imi per 2 milioni di euro, Blackrock ha effettuato un investimento di 200 milioni con una quota del 15,38%, Telefonica un investimento di 103 milioni per una quota del 7,92% e Och Ziff Capital Management un investimento di 40 milioni per una quota del 3,08%. Secondo il Comitato controllo e rischi di Telecom l'operazione ha assunto i connotati di "operazione rilevante" dopo la delibera del Cda, durante la sottoscrizione del prestito.

Per questo, spiega la società, ha richiesto l'iter istruttorio e decisionale previsto, ha qualificato l'operazione come "di maggior rilevanza" e ne ha "reinvestito il cda che il 5 dicembre è tornato a deliberare sulla scorta di apposito parere rilasciato da un comitato composto da consiglieri indipendenti non correlati rispetto all'operazione". Nella nuova votazione hanno votato contro Lucia Calvosa e Luigi Zingales. A favore, tra gli indipendenti, Massimo Egidi, Jean Paul Fitoussi, Angelo Provasoli e Mauro Sentinelli.

In particolare secondo Zingales, il bond convertibile è nell'interesse di Telecom e il prezzo si può dire congruo e conveniente ma "non sono stati soddisfatti i requisiti di correttezza sostanziale". Per il consigliere indipendente la procedura delle operazioni con parti correlate avrebbe dovuto applicarsi fin dall'inizio; "l'accesso alle informazioni è stato discriminatorio; in una situazione in cui la domanda eccedeva tre volte l'offerta, nel riparto è stata favorita Telefonica".

Intanto in vista dell'assemblea del prossimo 20 dicembre dopo Iss anche il proxy Glass Lewis consiglia ai fondi di votare per la revoca del cda appoggiando Findim. Da un rinnovo del cda ne beneficerebbero gli azionisti "e prevediamo che possa dare una maggiore trasparenza e una guida meno conflittuale sulla strategia della società in corso" si legge nel report.

2013-12-06T11:03:44.293+01:002013-12-06T11:03:00+01:00truetrue1066116falsefalse3Economia/economia4131043310662013-12-06T11:03:44.357+01:0010662013-12-06T13:25:23.537+01:000/economia/telecom-convertendo06122013false2013-12-06T11:10:33.52+01:00310433it-IT102013-12-06T11:03:00"] }
A- A+
Economia
telecom 500
 

Incalzata dall'Authority guidata da Giuseppe Vegas a chiarire alcune informazioni, Telecom risponde alla Consob sul convertendo, il prestito obbligazionario da 1,3 miliardi varato a inizio novembre, spiegando di aver "considerato l'operazione come misura tra parti correlate di maggiore rilevanza" ed "è stato effettuato l'iter istruttorio e decisionale di garanzia previsto".

Il Cda, si legge in una nota, è tornato a votare sulla scorta del parere dei consiglieri indipendenti e ha approvato l'operazione in cui Banca Imi per 2 milioni di euro, Blackrock ha effettuato un investimento di 200 milioni con una quota del 15,38%, Telefonica un investimento di 103 milioni per una quota del 7,92% e Och Ziff Capital Management un investimento di 40 milioni per una quota del 3,08%. Secondo il Comitato controllo e rischi di Telecom l'operazione ha assunto i connotati di "operazione rilevante" dopo la delibera del Cda, durante la sottoscrizione del prestito.

Per questo, spiega la società, ha richiesto l'iter istruttorio e decisionale previsto, ha qualificato l'operazione come "di maggior rilevanza" e ne ha "reinvestito il cda che il 5 dicembre è tornato a deliberare sulla scorta di apposito parere rilasciato da un comitato composto da consiglieri indipendenti non correlati rispetto all'operazione". Nella nuova votazione hanno votato contro Lucia Calvosa e Luigi Zingales. A favore, tra gli indipendenti, Massimo Egidi, Jean Paul Fitoussi, Angelo Provasoli e Mauro Sentinelli.

In particolare secondo Zingales, il bond convertibile è nell'interesse di Telecom e il prezzo si può dire congruo e conveniente ma "non sono stati soddisfatti i requisiti di correttezza sostanziale". Per il consigliere indipendente la procedura delle operazioni con parti correlate avrebbe dovuto applicarsi fin dall'inizio; "l'accesso alle informazioni è stato discriminatorio; in una situazione in cui la domanda eccedeva tre volte l'offerta, nel riparto è stata favorita Telefonica".

Intanto in vista dell'assemblea del prossimo 20 dicembre dopo Iss anche il proxy Glass Lewis consiglia ai fondi di votare per la revoca del cda appoggiando Findim. Da un rinnovo del cda ne beneficerebbero gli azionisti "e prevediamo che possa dare una maggiore trasparenza e una guida meno conflittuale sulla strategia della società in corso" si legge nel report.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
telecom
i più visti
in evidenza
"Un film che rimarrà nella storia" Ennio , intervista al produttore

Esclusiva/ Parla Gianni Russo

"Un film che rimarrà nella storia"
Ennio, intervista al produttore


casa, immobiliare
motori
Mercedes e Luminar insieme per accelerare sulla guida autonoma

Mercedes e Luminar insieme per accelerare sulla guida autonoma

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.