A- A+
Economia
Sì al tetto degli stipendi dei manager. Dal 1° aprile limite a 311mila euro

Dal primo aprile scatta il tetto allo stipendio dei manager delle societa' non quotate controllate dal Ministero dell'Economia. Lo comunica il Mef. I compensi degli amministratori delle societa' non quotate, direttamente o indirettamente controllate dal Ministero, non potranno quindi superare il trattamento economico del primo presidente della Corte di Cassazione.

Il Tesoro ricorda che il 1 aprile entrera' in vigore il decreto ministeriale 166 del 24 dicembre 2013 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale 63 del 17 marzo 2014), che integra e completa il quadro normativo che regola i compensi degli amministratori con deleghe delle societa' non quotate controllate dal Ministero dell'Economia. I limiti ai compensi, spiega il ministero, includono qualsiasi componente retributiva, inclusi benefit di tipo non monetario suscettibili di valutazione economica. Il trattamento economico del Primo Presidente della Corte di Cassazione per l'anno 2014 e' determinato dal Ministero della Giustizia in 311.658,53 euro lordi.

Il limite calcolato con il metodo indicato nel decreto ministeriale si applica all'amministratore delegato, per il conferimento di deleghe operative da parte del consiglio di amministrazione. Per il presidente cui siano state conferite deleghe che accompagnano quelle conferite all'amministratore delegato puo' essere deliberato un compenso pari al massimo al 30% di quello deliberato per quest'ultimo. "L'entrata in vigore del decreto - spiega la nota - impone l'immediato adeguamento ai nuovi limiti dei compensi riconosciuti agli amministratori, come affermato dall'adunanza generale del Consiglio di Stato. I compensi degli amministratori delle societa' non quotate, direttamente o indirettamente controllate dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, ad eccezione delle societa' che emettono strumenti finanziari quotati sui mercati regolamentati e delle loro controllate, sono quindi dall'1 aprile 2014 soggetti al rispetto di tali limiti".

Il Mef ricorda quindi che l'articolo 23-bis del dl 201/2011, al comma 5-bis, introdotto dal dl spending review, stabilisce che il compenso deliberato non puo' essere superiore al trattamento economico del Primo Presidente della Corte di cassazione e che il decreto ministeriale 166/2013 fissa il limite ai compensi degli amministratori con deleghe delle societa' non quotate controllate direttamente e indirettamente dal Mef in misura proporzionale al trattamento economico del Primo Presidente della Corte di Cassazione, in funzione della complessita' della societa' amministrata. Le societa' controllate direttamente o indirettamente dal Mef, in base al predetto decreto, sono classificate in fasce di complessita' sulla base di precisi parametri che riguardano il valore della produzione, gli investimenti e il numero dei dipendenti. Per ciascuna fascia e' stato quindi fissato un limite retributivo per il trattamento economico degli amministratori: per gli amministratori delle societa' della prima fascia il tetto e' pari al 100% del trattamento economico del Primo Presidente della Corte di Cassazione; per gli amministratori delle societa' della seconda fascia il tetto e' pari all'80% del trattamento economico del Primo Presidente della Corte di Cassazione; per gli amministratori delle societa' della terza fascia il tetto e' pari al 50% del trattamento economico del Primo Presidente della Corte di Cassazione. Nella prima fascia si collocano le societa' con un valore della produzione maggiore o uguale a un miliardo di euro, con investimenti maggiori o uguali a 500 milioni di euro e un numero di dipendenti pari a 5.000 unita' o piu'. Alla seconda fascia appartengono le societa' con valore della produzione maggiore o uguale a 100 milioni di euro, investimenti pari ad almeno un milione e con almeno 500 dipendenti. Le societa' che presentano parametri inferiori appartengono alla terza fascia.

Non solo. ministero del Tesoro chiedera' una riduzione almeno del 25% dei compensi per gli amministratori con deleghe rispetto a quelli deliberati per gli amministratori con deleghe in scadenza. Si tratta, spiega il comunicato, "di tutte le societa' controllate direttamente o indirettamente dalle pubbliche amministrazioni che emettono azioni (Eni, Enel, Finmeccanica) o altri titoli negoziati su mercati regolamentati (Ferrovie dello Stato, Cassa Depositi e Prestiti, Poste Italiane) e loro controllate.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
stipendimanagertetto stipendi
i più visti
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività


casa, immobiliare
motori
Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.