A- A+
Economia
Saccomanni

Un passo avanti e due indietro. Le risorse per impedire l'aumento dell'Iva e cancellare l'Imu non ci sono. Ecco allora che saltano fuori due novità. La prima: anticipare la service tax a dicembre. In questo modo, la seconda rata dell'Imu scomparirebbe a parole ma cambierebbe solo nome. Anzi, peggio: il provvedimento garantirebbe incassi vicini ai 3 miliardi, un ammontare superiore alla seconda rata Imu. Servirà per l'Iva? No. La crescita che non arriva spinge il rapporto deficit-Pil oltre il 3%. E allora la macchina dello Stato ha bisogno di nuove risorse. Per impedire l'incremento dell'Iva, quindi, non basta la rata Imu mascherata da service tax: potrebbe arrivare una nuvoa accisa sulla benzina.

Il caro-carburante è sul tavolo di Fabrizio Saccomanni. Il ministro dell'Economia ha poco tempo: una decisione sarà presa dal Consiglio dei ministri di venerdì, che discuterà una mini-manovra da 1,6 miliardi. Se una nuova imposta sulla benzina è un argomento carsico che circola in ambienti vicini al governo, quello della seconda rata Imu è emerso del tutto.   

"Se i soldi non ci sono possiamo pensare di riaprire la seconda rata Imu", ha detto ieri il responsabile economico del Pd, Matteo Colaninno. Da sempre chiara la posizione del viceministro ed esponente democrato, Stefano Fassina: "Cancellare l'Imu significa aumentare l'Iva". Il Pdl non arretra. Ecco allora l'idea-maquillage: a dicembre è comunque previsto un aumento lineare di 30 centesimi al metro quadro introdotto dalla Tares. Anche se la Tares non esiste più. Come se ne esce? La tassa, abortita alla nascita, conteneva una parte patrimoniale e una legata ai "servizio indivisibili". L'idea in campo è quella di introdurre subito una service tax: far pagare (per ora) il 2 per mille sulla rendita catastale rivalutata (invece del 4) o far sborsare 1 euro al metro quadrato (invece dei 30 centesimi previsti dalla Tares).

Tags:
imuivaservice taxtasse
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.