A- A+
Economia
frecciarossa2

Novità in arrivo per chi viaggia in treno. Rimborso dei biglietti ferroviari sarà effettuato infatti anche quando il ritardo sarà dovuto a cause di forza maggiore. Questa la conclusione cui approda l'avvocato generale della corte Ue (la sentenza tra qualche mese). Così va interpretata infatti la disciplina comunitaria in materia.

Il regolamento sui diritti e gli obblighi dei passeggeri ferroviari stabilisce che coloro che subiscono un ritardo pari o superiore a un'ora possono chiedere all'impresa ferroviaria il rimborso parziale del biglietto.

 Il risarcimento è pari a un minimo del 25% del prezzo del biglietto in caso di ritardi compresi tra un'ora e 119 minuti, e a un minimo del 50% in caso di ritardi pari o superiori a due ore. Il regolamento, nella lettura dell'avvocato generale, non prevede eccezioni a tale diritto al risarcimento nei casi in cui il ritardo sia dovuto a forza maggiore, ad esempio difficili condizioni atmosferiche, danni all'infrastruttura ferroviaria o azioni.

Tags:
treniritardorimborsi
i più visti
in evidenza
"Rido con Zalone, amo gli horror Only Fun? Sarà sorprendente..."

Elettra Lamborghini ad Affari

"Rido con Zalone, amo gli horror
Only Fun? Sarà sorprendente..."


casa, immobiliare
motori
Ford apre gli ordini per il Ranger Raptor di nuova generazione

Ford apre gli ordini per il Ranger Raptor di nuova generazione

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.