A- A+
Economia
Ucraina, Scaroni: "Gestiremo la situazione anche con uno stop del gas russo"

"L'Europa e' troppo dipendente dal gas russo per fermare le importazioni nel breve termine dal paese, anche se credo che l'Italia riuscirebbe a gestire la situazione" anche in caso di mancanza di gas russo. Lo dice l'amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, in una intervista pubblicata oggi sul Financial Times.

Secondo Scaroni, "a meno che l'UE non raggiunga un accordo con la Russia, mi aspetto che l'Europa avii uno sfrozo gigantesco per diversificare le proprie fonti di approvvigionamento, incluso lo sviluppo dello shale gas nel continente, l'aumento dell'importazione di GNL e una maggiore focalizzazione sulle forniture di Algeria, Libia e Norvegia."

Scaroni, intervenendo sulla crisi Russia-Ucraina e sui possibili impatti sulla politica energetica europea ha espresso dei dubbi sulle prospettive per South Stream, e ha definito limitate le ripercussioni sulle attivita' Eni. Rispetto alle attivita' Eni in Russia, e in particolare sulla vendita della quota di Eni in Arctic gas conclusa a gennaio per 3 miliardi di dollari, Scaroni ha definito la decisione della societa' "una mossa astuta, abbiamo avuto la giusta tempistica. Sarebbe stato molto diffcile realizzare un'operazione simile nel momento attuale: le compagnie russe sono molto caute ora con il loro cash".

Alla domanda se l'aumento delle tensioni in Ucraina, sia stata una delle ragioni che hanno portato alla decisione di concludere l'operazione Arctic Scaroni ha precisato che "e' stato uno dei tasselli della decisione" di uscire dalla Russia. Altri elementi erano il fatto che "la Russia e' la Russia, non e' la Svizzera", considerazione importante quando si e' dipendenti dalla Gazprom per il trasporto del gas dalla Siberia. Per quanto riguarda i contratti gas take or pay con la Russia, Scaroni sostiene che la crisi Russia-Ucraina "rafforzi molto la nostra posizione negoziale", a seconda di come evolvera' la situazione.

"Ci sentiamo in ottima posizione" ha detto. Scaroni vuole recarsi a breve a Kiev per parlare dei nove blocchi a shale gas nel bacino Lviv in Ucraina, nei quali Eni ha acquisito una partecipazione. "Sono preoccupato? No. Voglio esplorare? Si", dice Scaroni. Attivita' propedeutiche all'esplorazione di un blocco nel Mar Nero, al largo delle coste della Crimea, sono al momento ferme, ha continuato l'ad di Eni.

Tags:
ucrainagasscaroni
i più visti
in evidenza
Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

Meteo

Arriva l'aria polare dalla Svezia
Fine maggio brividi. Previsioni


casa, immobiliare
motori
DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.