A- A+
Economia
Ue, 45 mld per produrre semiconduttori. Von der Leyen: "L'Europa sarà leader"
Ursula von der Leyen

Ue, approvato l'European Chips Act: Ursula von der Leyen punta a raddoppiare la produzione di semiconduttori 

L’Europa ha approvato il “Chips Act”. Nel dettaglio, l'European Chips Act, avallato dalla Commissione europea, mobiliterà oltre 43 miliardi di euro per la produzione di semiconduttori in Europa, tra fondi pubblici e privati. "Si tratta di 15 miliardi di investimenti pubblici e privati aggiuntivi entro il 2030, oltre ai 30 miliardi già previsti da Next Generation Eu, da Horizon Europe e dai bilanci nazionali", ha spiegato la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen. “L'Eu Chips Act cambierà le regole del gioco", ha aggiunto.

Ue: von der Leyen, ok aiuti di Stato per industria dei chip

Per diventare leader nel settore di chip, "l'Europa ha bisogno di impianti industriali avanzati che ovviamente necessitano di enormi investimenti di partenza e per questo stiamo adattando le nostre regole sugli aiuti di Stato", dichiara Ursula von der Leyen, subito dopo l'adozione del Chips Act.

"Ovviamente introdurremo severe condizioni", ma le nuove regole sugli aiuti di Stato "consentiranno, per la prima volta, l'uso di sostegno pubblico per impianti industriali primi nel loro genere in Europa e, in quanto tali, di cui potrà beneficiare l'intera Europa", ha sottolineato la presidente.

Ue: von der Leyen, prossima rivoluzione industriale da noi

"L'Europa e' il Continente dove tutte le rivoluzioni industriali sono cominciate e puo' essere la casa anche della prossima rivoluzione industriale". "L'Europa - ha aggiunto la presidente - costruirà partnership per la produzione di chip con i Paesi con cui la pensiamo allo stesso modo, come gli Stati Uniti o il Giappone", che vadano a garantire "un equilibrio tra le dipendenze e l’affidabilità”.

Ue: Chips Act, aiuti di Stato fino a 100% per nuovi

Nell'ambito del nuovo Chips Act, "puo' essere giustificato coprire con risorse pubbliche fino al 100% di un accertato gap di finanziamento" degli impianti industriali necessari alla fabbricazione dei chip laddove, senza il finanziamento "tali strutture non esisterebbero in Europa". 

"Tali casi - si legge ancora nel testo - devono essere valutati dalla Commissione direttamente ai sensi dell'articolo 107, paragrafo 3, lettera c), del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea". Ai sensi di tale disposizione, "la Commissione puo' ritenere compatibili con le norme sugli aiuti di Stato" i sostegni "destinati ad agevolare lo sviluppo di talune attivita' economiche o di determinate aree economiche, qualora non incidano negativamente sulle condizioni degli scambi in misura contraria al comune interesse, soppesando gli effetti positivi di tale aiuto di Stato contro il suo probabile impatto negativo sul commercio e sulla concorrenza".

 

Leggi anche:

Microchip, Softbank: saltano le nozze per il colosso Nvidia-Arm

Credem, utile record in crescita del 74% a 352,4 milioni e cedola a 0,3 euro

Bnp, quasi 9,5 miliardi di utili. Col piano ricavi annuali su del 3,5%

 

Commenti
    Tags:
    chipinvestimentisemiconduttoriueursula von der leyen




    
    in evidenza
    Affari gastronomici/ Il direttore Perrino dialoga con gli chef Antonella Ricci e Vinod Sookar. La presentazione del libro di ricette "Dalla Puglia con amore"

    Guarda il video

    Affari gastronomici/ Il direttore Perrino dialoga con gli chef Antonella Ricci e Vinod Sookar. La presentazione del libro di ricette "Dalla Puglia con amore"


    motori
    Nuova Audi RS Q8: record al Nurburgring

    Nuova Audi RS Q8: record al Nurburgring

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.