A- A+
Economia
Ue, il politologo Luttwak ad Affaritaliani.it : così Renzi tradirà la Merkel

di Andrea Deugeni
twitter
@andreadeugeni

edward luttwak ape
 

Euroscetticismo che non ha affatto sfondato come si temeva alla vigilia elettorale, spread dei Paesi periferici in calo e una moneta unica che si salva e che continua comunque a rimanere forte sul dollaro.

L'esito elettorale delle Europee soddisfa Obama e le grandi banche d'affari statunitensi, perché come spiega ad Affaritaliani.it il politologo americano Edward Luttwak, "gli Usa hanno interesse che l'Europa resti unita e che ritrovi la via della crescita perché questo consente al Vecchio Continente di avere un cambio euro/dollaro elevatosui mercati valutari".

Il motivo è presto detto, visto che negli Stati Uniti spendaccioni, la politica di stimolo della Casa Bianca ha comportato un aumento del rapporto debito/Pil dal 94,8% pre-crisi al 105,7% del 2014 (oltre 17 mila miliardi di dollari in valore assoluto), e "un dollaro debole, da mantenere il più possibile a questi livelli, è una situazione super-vantaggiosa per gli Usa: un volano per le esportazioni che spingono al rialzo il Pil e, di conseguenza, al ribasso il rapporto debito/Pil", spiega Luttwak.

"E' vero", riconosce il politologo "ci sono stati improvvisi aumenti dello spread dei Paesi periferici, in particolare quello fra Btp e Bund, alla vigilia delle elezioni", ma non si è trattato di movimenti strutturali che miravano a una disgregazione dell'euro, "quanto soltanto di volatilà: alcuni operatori finanziari hanno approfittato dell'incertezza scommettendo sulle vendite per guadagnare".

edward luttwak (2)
 

 "L'interesse americano" è che "l'Europa goda di buona salute e che ci sia sempre un euro forte", trend "sostenuto incredibilmente e in maniera fanatica anche dalla Banca Centrale Europea". Draghi dunque sta facendo il gioco degli Usa, invece che aiutare la crescita del Vecchio Continente. 

Ora che in Italia e in Spagna i partiti tradizionali hanno tenuto e Matteo Renzi ha sconfitto in casa il pericolo grillino, per i Paesi del Sud Europa si apre la grande sfida e cioè "ritrovare la via della crescita", spiega Luttwak che però è pessimista: per Renzi infatti si tratta sostanzialmente di una "mission impossible". In primis, "perché Spagna e Italia hanno rifiutato di intraprendere un serio cammino di riforme", secondo perché "rimanere nell'euro, soprattutto per l'Italia, vorrebbe dire fare ricorso per i prossimi anni ancora a pesanti politiche di austerità dettate dal Fiscal Compact".

Tradotto in numeri, si tratta di  avere zero deficit e una riduzione del 2% del debito all'anno", una sforbiciata "di 40 miliardi, 10 Imu" ogni 12 mesi, continua Luttwak. Uno scenario che "condannerà  le prossime generazioni alla disoccupazione strutturale e che Renzi non potrà evitare a meno di un'uscita dall'euro o di non rispettare i nuovi dictat dell'Unione Europea: trovare 10 Imu all'anno è una pura fantasia. Vorrebbe dire strozzare l'economia", sentenzia Luttwak.

Per il politologo, dunque, sulla carta il "destino dell'Italia è ormai segnato", scenario che a Palazzo Chigi "conoscono bene". "Renzi farebbe meglio a rivelare il suo piano", conclude Luttwak e cioè che "non intenderà rispettare mai i patti europei. Sarebbe più serio".

Tags:
ueusaobama
i più visti
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting


casa, immobiliare
motori
Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.