A- A+
Economia
UniCredit non vuole il marchio Mps. Poi spezzatino. 10 mila bancari a rischio

Fuori dalla trattativa, perché UniCredit ha messo subito le carte in tavola sulla pre-requisito della neutralità dell’operazione per il proprio capitale, anche i rischi legali da 6,2 miliardi, i crediti in sofferenza per 4,15 miliardi e i crediti di più difficile esigibilità, pari a 15,25 miliardi e classificati “stage 2” nella semestrale Mps.

Insomma, Orcel vuole asset contabilmente super-puliti, un interessante portafoglio clienti dalle migliori credenziali (sono posizionati al Centro-Nord, le aree più ricche del Paese), attività che già macinano redditività perché i costi sono stati già ridotti all’osso. “Un’operazione geniale", la definiscono gli addetti ai lavori, ma tutta caricata sul contribuente: ricapitalizzazione, benefici fiscali delle Deferred tax asset, bad bank con le cause legali, filiali a Mcc (150 al Sud) e crediti problematici ad Amco sono tutti interventi che ricadranno ancora sulle spalle della galassia pubblica.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    unicreditmpsdue diligence unicredit mpsproroga unicredit mpsandrea orcelbancari unicreditbancari mps
    i più visti
    in evidenza
    Fine dell'Ue, terremoti, siccità... Nostradamus, le profezie 2022

    Che cosa accadrà il prossimo anno

    Fine dell'Ue, terremoti, siccità...
    Nostradamus, le profezie 2022


    casa, immobiliare
    motori
    Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia

    Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.