A- A+
Spettacoli
Accademia della Stella 2023, il celebre jingle Negroni? Diventa una hit... 2.0
L’Accademia della Stella, i vincitori con Claudia Ferrari, (Responsabile Marketing Salumi Negroni)

Accademia della Stella 2023 di Negroni: circa 60mila voti da tutta Italia. Vince Il quartetto del CPM Music Institute di Milano

Un’armonizzazione virtuosa del coro e un originale utilizzo di voci adulte con quelle dei bambini che in un istante hanno il potere di condurci in un passato pieno di ricordi ma anche in un presente ricco di dolcezza. È questa la reinterpretazione del celebre jingle “Le stelle sono tante, milioni di milioni…”, che ha conquistato la “giuria popolare” ed è quindi vincitrice della terza edizione dell’Accademia della Stella di Negroni, il progetto nato in occasione dei 90 anni di Negronetto per scoprire, sostenere e illuminare i giovani negli ambiti che rappresentano le eccellenze creative del made in Italy.

A idearla, quattro studenti del CPM Music Institute di Milano - Davide Mettifogo, Mario Vernetti, Marco Pezzali e Gaetano Dino Chirico - che si sono aggiudicati una borsa di studio da investire in formazione.

“È stata un’edizione a tema musica piena di sorprese e di emozioni - ha commentato Claudia Ferrari, Responsabile Marketing Salumi Negroni – Gli studenti coinvolti hanno davvero dato prova della loro creatività, della loro passione e delle loro abilità musicali, contribuendo in modo originale e innovativo al racconto del brand, entrato nella storia della pubblicità con il suo celebre jingle. Ringraziamo tutti i ragazzi partecipanti dei tre istituti partner di quest’anno, ma anche i coordinatori del progetto e soprattutto la giuria tecnica che ha saputo offrire professionalità ed entusiasmo, mettendo a disposizione il proprio indiscusso bagaglio tecnico".

Accademia della Stella 2023, la giura del premio

Sono stati il direttore di orchestra Enrico Melozzi, il noto giornalista e critico musicale Gino Castaldo e il giovane cantante Albe i giurati scelti da Negroni per selezionare i 7 finalisti dell’edizione 2023 di Accademia della Stella su 75 candidature proposte da oltre 100 gli studenti provenienti da tre importanti istituti musicali italiani (CPM Music Institute di Milano; Saint Louis College of Music di Roma e NAM - Nuova Audio Musicmedia di Milano). A decretare la versione vincitrice sono stati però gli utenti di tutta Italia, tramite un sondaggio online sul sito di Negroni che ha registrato complessivamente circa 60mila voti.

Accademia della Stella 2023, così i 4 studenti hanno reinterpretato il jingle Negroni

“Reinterpretare un jingle così iconico, oltre ad essere una grande opportunità di crescita professionale – spiega la ‘band’ del CPM Music Institute - è stata per noi una sfida inedita, molto stimolante e per nulla semplice. Alla base della nostra idea, la scelta di ricollocare un elemento essenziale come la voce, tradizionalmente relegato ad un ruolo melodico, all'interno della complessità delle produzioni contemporanee, mettendone in luce le varie possibilità ritmiche e timbriche e rendendola di fatto anche un elemento di sound design. Unendo le nostre attitudini e competenze – concludono i quattro studenti vincitori - siamo quindi riusciti a creare una sinergia tra i nostri differenti background musicali e siamo davvero molto felici di aver saputo conquistare tanto la giuria tecnica quanto quella popolare”.

“Le stelle sono tante, milioni di milioni…”, il jingle cult Negroni torna alla ribalta tra i giovani d'Italia

È un vero e proprio tormentone pubblicitario che incarna da sempre lo spirito di casa Negroni: “Le stelle sono tante, milioni di milioni, la Stella di Negroni vuol dire qualità”. Sin dal suo esordio, negli anni Sessanta, ha fatto breccia nei cuori degli italiani, entrando nell’immaginario collettivo come una sorta di inno al buon umore e ancora oggi racconta la storia ultracentenaria del marchio della Stella in modo fresco e spensierato. Dagli spot radiofonici alle interpretazioni di grandi artisti del panorama artistico italiano (Enrico Ruggeri, Mario Biondi, Noemi e Tiromancino), passando per lo storico programma Rai il Carosello, questo celebre motivetto musicale conosce una popolarità senza fine, entrando di diritto nel novero dei jingle più amati d’Italia, ma anche tra più longevi (è andato in onda solo negli ultimi 20 anni per oltre 47mila minuti). Come ogni jingle pubblicitario di successo, anche il “tintinnio” di Negroni evoca ricordi e stimola emozioni e quest’anno con l’Accademia della Stella torna alla ribalta per guardare al futuro con gli occhi dei giovani.

Accademia della Stella 2023, il critico musicale Gino Castaldo annuncia il tour del suo nuovo libro

In occasione della cerimonia di premiazione della 3^ edizione del progetto di Negroni, il noto critico musicale, in veste anche di giudice, annuncia il tour del suo nuovo libro Milano, 12 luglio 2023 – "Sarà una sorta di storytelling derivato dal libro, che parla del momento magico che la canzone d'autore italiana ha vissuto tra la fine degli Anni Settanta e l'inizio degli Anni Ottanta. Non una classica presentazione, quindi, ma la messa in scena di un racconto, con l'ausilio di video e musica, come fosse un vero e proprio spettacolo”. Ad annunciarlo a Milano, in occasione dell'evento di premiazione della terza edizione dell'Accademia della Stella di Salumi Negroni, il giornalista e noto critico musicale, Gino Castaldo, che questa estate sarà impegnato nella promozione del suo nuovo libro, Il cielo bruciava di stelle.

Gino Castaldo sul palco di Accademia della Stella 2023Gino Castaldo sul palco di Accademia della Stella 2023
 

La stagione magica dei cantautori italiani (Mondadori), con un tour che toccherà la Puglia (18 luglio a Castrignano – LE; 19 luglio a Gallipoli – LE; 21 luglio a Grottaglie – TA), la Liguria (27 luglio a Monterosso al Mare - SP), la Lombardia (3 settembre a Bergamo) e il Veneto (20 settembre a Rovigo). Chiamato in veste di giurato tecnico del progetto di Negroni per selezionare le versioni finaliste del celebre jingle del brand, quest'anno ideate da oltre 100 studenti di tre importanti istituti musicali italiani, Castaldo si è confrontato con molto entusiasmo con i giovani presenti in evento, a cui raccomanda di evitare l'omologazione per provare ad ottenere un successo duraturo: "Negli ultimi quattro-cinque anni si è innescata una vera e propria rivoluzione musicale che non accadeva da almeno sessant'anni. Tutto quello che possiamo immaginare in campo musicale è cambiato: il modo in cui si ascolta e si consuma la musica, come si produce. Il livello attuale tende però verso l'omologazione. Sarebbe bello, quindi, che i musicisti di oggi, soprattutto i più giovani, cercassero non di accontentarsi del risultato immediato, ma di guardare un po' più lontano, che è quello di cui la musica ha bisogno”.

LA NASCITA DELL’ACCADEMIA DELLA STELLA DI NEGRONI PER I 90 ANNI DI NEGRONETTO

È il primo salamino brandizzato tascabile e d'asporto della storia italiana, frutto del genio di Paolo Negroni, figlio di Pietro che nel 1907 fonda a Cremona l’azienda omonima. Stiamo parlando del Negronetto, prodotto icona di casa Negroni, nato nel 1931 e ispiratore, in occasione del suo 90 anniversario, dell’Accademia della Stella di Negroni, iniziativa ideata nel 2021 con l’obiettivo di scoprire, illuminare e sostenere i giovani del nostro Paese negli ambiti che rappresentano le eccellenze creative del made in Italy. Forse non tutti sanno che la sua storia è infatti legata ad un espediente semplice ma geniale. Durante la Fiera Internazionale di Nizza del 1931, Paolo Negroni inventò infatti un nuovo mini-formato tascabile, ancora oggi rimasto invariato, per superare il divieto imposto ai produttori italiani di affettare salami da offrire agli ospiti. Ne fece produrre uno dalle dimensioni ridotte (di soli 14 cm), ma con le stesse caratteristiche del tradizionale salame cremonese, fiore all’occhiello dei salumi dell’epoca. Nonostante il passare dei decenni e il cambiamento dei costumi e delle abitudini alimentari nel Paese, da allora la sua ricetta non è mai cambiata: ottenuto da carni 100% italiane accuratamente selezionate e mondate per donare profumo intenso, gusto delicato e una consistenza morbida e compatta, Negronetto si è sempre distinto per la sua personalità unica e il suo gusto inconfondibile, presente sin da subito sulle tavole degli italiani e portando con sé giocosità, voglia di condivisione e l’autenticità tipica dei salumi Negroni. Per ulteriori info vedi il focus allegato.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
accademia della stellejingle





in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


in vetrina
Da Napoli a Milano, le migliori pizze italiane: ecco dove mangiarle. La classifica

Da Napoli a Milano, le migliori pizze italiane: ecco dove mangiarle. La classifica


motori
Nuova Mercedes-AMG GT 63 PRO: prestazioni da brivido e comfort quotidiano

Nuova Mercedes-AMG GT 63 PRO: prestazioni da brivido e comfort quotidiano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.