A- A+
Spettacoli
"Solo un miracolo può salvare l'Italia". Show di Benigni



CLICCA QUI PER PARTECIPARE AL SONDAGGIO DEMOPOLIS-AFFARITALIANI.IT


"Solo un miracolo ci può salvare: infatti Renzi è andato in Vaticano". Come era lecito attendersi Roberto Benigni, tornato su Raiuno con i Dieci Comandamenti, non ha risparmiato battute sul difficile momento politico e sulle notizie di cronaca che hanno caratterizzato le ultime settimane. "La politica in questo momento non esiste: meglio buttarsi su Dio", ha detto il comico toscano all'inizio della sua performance. "Sono contento di vedervi qua a piede libero, con l'aria che tira a Roma, siamo riusciti a trovare gli incensurati", ha scherzato Benigni, "abbiamo avuto il permesso della Rai, della questura, della banda della Magliana... possiamo cominciare". "Hanno saputo che dovevo fare questo spettacolo, I Dieci Comandamenti, e li hanno violati tutti", ha poi aggiunto. Nella sua introduzione, il premio Oscar ha citato ancora una volta il Premier: "Renzi al posto dell'Italicum vorrebbe il Vaticanum, chi viene eletto governa a vita". Non manca un affondo sul mondo della politica: "Politici, consiglieri, imprenditori hanno fatto in modo di violare tutti e 10 i Comandamenti, forse perché sapevano che stavo arrivando. Stanno arrestando tutti. Il tema era la Bibbia, ma adesso bisogna parlare di Rebibbia".

"Sono contento di vedervi qua a piede libero, con l'aria che tira a Roma, siamo riusciti a trovare gli incensurati". Così Roberto Benigni in apertura del suo show su Rai1 "I dieci comandamenti"

"Comunque - ha insistito - Roma rimane la più bella città del mondo, sotto Natale poi, con gli addobbi, le decorazioni, ce ne sono tantissime, specialmente quelle bianche e blu lampeggianti che hanno messo sopra le macchine per farle vedere meglio, con quei suoni tipo cornamuse. In Campidoglio è pieno". Benigni è poi tornato sulle inchieste: "I politici ci sono giustificati dicendo: ho sbagliato a scegliere collaboratori che sembravano insospettabili, persone perbene... Eppure i soprannomi erano il 'carognone', il 'porco', il 'cecato', il 'ruvido". "Abbiamo i permessi per iniziare - ha poi ironizzato - della Rai, della questura e della Banda della Magliana".

"Il tema doveva la Bibbia, ma dobbiamo parlare di Rebibbia". Così Roberto Benigni ha aperto I Dieci Comandamenti, il programma che segna il suo atteso ritorno su Raiuno. Il comico ha legato il racconto biblico con l'attualità e la cronaca degli ultimi giorni: "Solo un miracolo ci può salvare", ha sottolineato nella sua introduzione all'esegesi dei Dieci Comandamenti, "la politica in questo momento non esiste, meglio buttarsi su Dio".

Entrando nel vivo della serata, Benigni ha lanciato un monito: "Dio c'è, dobbiamo partire da questo assunto. Non scherziamo: andate a vedere Batman al cinema e ci credete e mi fate storie su Dio: non scherziamo!". Dopo aver di nuovo ironizzato sul programma ("Due sono le cose: stasera o mi arrestano per vilipendio della religione, o mi fanno cardinale"), l'attore ha poi ha invitato tutti a dieci secondi di silenzio, "perché Dio sta nei frammenti di silenzio". "La vera unica grande bestemmia è far diventare Dio un idolo e convincere la gente a uccidere nel suo nome. 'Non nominare il nome di Dio invano' vuol dire non rendere vano Dio, non rendere vana la tua vita", ha poi aggiunto durante la trasmissione.

Roberto Benigni non perde occasione per ironizzare sullo scandalo della corruzione a Roma e soprattutto sui soprannomi "insospettabili" delle persone arrestate. "Solo un miracolo ci può salvare", sottolinea ancora Roberto Benigni nella sua introduzione del suo show sui Dieci Comandamenti(video Rai 1)
 
Benigni ha concluso la sua performance con una riflessione sul fanatismo religioso ("l'Isis usa il nome di Dio per terrorizzare gli uomini, ma questo è un delirio di dio, è un inno alla morte") e un invito a coltivare il silenzio: "Il senso del tutto è nel silenzio. Pensate oggi quanto ce ne sarebbe bisogno: siamo tutti sempre connessi con tutto il mondo, ma disconnessi con noi stessi. Nessuno ha più il coraggio di rimanere da solo con se stesso. Ma i Comandamenti ci dicono di fermarci: siamo andati talmente di corsa con il corpo, che la nostra anima è rimasta indietro. Fermiamoci - ha concluso l'attore - altrimenti l'anima ce la perdiamo per sempre".

"Il comandamento più attuale è 'non rubare', vista la cronaca che stiamo vivendo. Siamo sbandati, siamo caduti in basso, con politici che si fanno comprare come un oggetto. In questo modo l'umanità perde dignità", aveva dichiarato l'attore presentando il programma al Tg1. Due serate in diretta dal Palastudio di Cinecittà, con scenografie realizzate Chiara e Gaetano Castelli e musiche di Nicola Piovani. Benigni ha spiegato i motivi che lo hanno spinto a scegliere il Decalogo ricevuto da Mosè sul Monte Sinai: "I Dieci Comandamenti mi hanno scelto loro, perché sono dieci sorprese. Quel libero è lo 'spettacolo per eccellenza'. Credo non ci sia storia più bella, il racconto dell'Esodo è un esempio rivoluzionario, è d'ispirazione per qualsiasi moto di libertà. Questi comandamenti fanno bene alla salute, ne abbiamo bisogno. E' la legge dei sentimenti".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
benigni
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.