Error processing SSI file
A- A+
Spettacoli
Dalle periferie romane al tour mondiale, l'album dei Bronson è già sold-out

Si chiamano Bronson, ma chi pensa che il nome del gruppo sia un omaggio al grande Charles, il Giustiziere della Notte, si sbaglia. O almeno si sbaglia in parte. Perché il gruppo punk-rock tutto romano ha fatto della non appartenenza a schemi predefiniti il suo successo e la sua cifra stilistica. L'appellativo è infatti una citazione dell'omonimo film con protagonista Tom Hardy, sul feroce criminale Michael Gordon Peterson che cambiò il proprio nome in Charles Bronson.

Una scelta assai peculiare per una band formata da giovanissimi tutti provenienti dalle periferie romane, con una cospicua dose di rabbia interiore e di desiderio di riscatto nell'arte. E il loro veicolo artistico è la musica, attraverso la quale esprimere i moti dell'animo tormentato di una gioventù schiacciata da una società crudele e cinica.

A tre anni di distanza dal loro album Roma Tiger Punk, i Bronson tornano grandiosamente alla ribalta con il nuovo progetto Brucia, e la rentrée è segnata da un mutamento in seno al gruppo. Il vocalist Simone Montagna lascia infatti il posto a Manuel Rasetti che ci racconta personalmente l'evoluzione della band.

"La formazione di Brucia" dichiara quest'ultimo senza peli sulla lingua, " è composta da Andrea (bassista, lavora nell'azienda di famiglia che tratta ecommerce), Lorenzo (batterista, che attualmente fa magazziniere e arrotonda dando lezioni di musica), Marco (chitarra, neo laureato e disoccupato a tempo pieno) - ride - e Manuel (voce, chitarra, bartender che prepara cocktail a piccoli stronzi viziati a Roma nord)".

"Ci conosciamo da sempre" prosegue, "suoniamo da 10 anni insieme con Marco ed Andrea. Poi nel 2012 decidiamo di formare Bronson con Simone (Montagna) alla voce e Lorenzo (che allora suonava nei Blind Justice) per i primi due dischi (l'omonimo Bronson e Roma Tiger Punk). Quest'album è un evoluzione totale, e il cambio di formazione, con me in prima linea, porta a un adattamento nel genere, nell'interpretazione. Mentre i testi, anche se un po' più ermetici e intimi, parlano sempre del nostro quotidiano".

Già, il "quotidiano", che nel caso dei Bronson significa soprattutto politica attiva nelle file di CasaPound. "Siamo militanti di CPI" prosegue Manuel, "viviamo la politica sociale del nostro movimento nei nostri territori e quartieri tutti i giorni. La viviamo e la trasformiamo in arte, passateci il termine, che ci accomuna tutti. E precisamente nel punk rock. In un momento di stasi più totale della musica in Italia, dove "l'artista" trap è la nuova rockstar, noi ci sentiamo dei privilegiati per riuscire a suonare e lasciare il nostro messaggio in giro per il mondo".

Esatto, perché i Bronson non si limitano a calcare i palchi nazionali ma accarezzano ambiziosi progetti a ampio respiro internazionale. "Partiremo per il Canada a maggio" ci racconta Manuel, "e in tour sudamericano ad agosto. Il che è proprio del nostro essere indipendenti e fuori dagli schemi, sia da quelli della convenzionale musica italiana ma anche da quella di un determinato ambiente. Ed è il nostro punto di forza".

Punto di forza che, a nemmeno una settimana dalla data di uscita ufficiale del 24 marzo, li aveva già visti "bruciare", per citare il titolo dell'album, le prime cinquemila copie messe in circolazione. Un sold-out che ha consolidato e confermato il successo della band, ora pronta a portare l'entusiasmo, il talento e il vigore che li caratterizza oltre i confini italiani. 

Tags:
bronsoncasapoundbruciapunk-rock
in evidenza
Italia ripescata ai mondiali? La sentenza della Christillin (Fifa)

Il caso scottante

Italia ripescata ai mondiali?
La sentenza della Christillin (Fifa)

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
A luglio nei concessionari la nuova Mercedes Classe T

A luglio nei concessionari la nuova Mercedes Classe T


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.