A- A+
Spettacoli

di Dom Serafini
 
Dal comunicato stampa del Ministero dei Beni Culturali: “Il Governo modernizza l’impegno a favore del cinema italiano e aumenta i finanziamenti del 60%”. Così ha detto il ministro dei beni culturali, Dario Franceschini al termine del Consiglio dei Ministri che ha approvato il Disegno di legge (Ddl) collegato per la 'Disciplina del Cinema, dell’Audiovisivo e dello Spettacolo’.
“Il Ddl - spiega il Ministro - prevede la creazione di un fondo autonomo per il sostegno dell'industria cinematografica e audiovisiva. Vengono garantite risorse per 400 milioni di euro all'anno [piú 150 milioni, o il 60% in piú che attualmente] e strumenti automatici di finanziamento con forti incentivi per giovani autori e per chi investe in nuove sale e a salvaguardia dei cinema, dei teatri e delle librerie storiche”.
Fa bene a rallegrarsi l'associazione Italian Film Commissions che nell’articolo 4 del Ddl si vede riconoscere il “ruolo delle Film Commission regionali quali imprescindibili attori della filiera audiovisiva nazionale”.
Questo articolo sottolinea anche “il ruolo svolto dalle regioni a sostegno dell'imprenditoria cinematografica ed audiovisiva attraverso convenzioni con il sistema bancario, atte a favorire l'accesso al credito a tasso agevolato”.

Il Ddl si basa sul modello francese e genera fondi tassando i cinema, le Tv e telco a partire dal 2017 con fino al 12% del gettito Ires (imposte sul reddito delle societá) e Iva. Il Ddl prevede i “Tax Credit Cinema” ed altri vari incentivi, piú la creazione di un “Consiglio Superiore per il Cinema e l’Audiovisivo” in sostituzione della Sezione Cinema della Consulta dello Spettacolo.
In pratica il Ddl non cambia nulla, eccetto la fonte dei finanziamenti ed il riconoscimento del ruolo delle film commission. In pratica i produttori continueranno a produrre alle spese di un “ente para-statale autonomo” (invece che direttamente dallo Stato) contenuti cinematografici e televisivi che poche persone vedranno in Italia e quasi nessuno vedrá all’estero.
Le tre parti essenziali di una vera riforma dei sussidi al settore audivisivo non sono state nemmeno considerate:
1) Finanziamenti fino al 25% del costo di produzione, ma solo con una prevendita ad una stazione Tv, distributore cinematografico (alle sale o per le vendite internazionali) o coproduttore estero.
2) Divieto alle stazioni Tv di possedere i diritti di sfruttamento internazionale dei programmi commissionati.
3) Rimborsi fino al 60% del costo di marketing e vendite internazionali.
Se questi tre elementi fossero stati inseriti nel Ddl si sarebbero ottenuto:
*Maggiore richiesta di produzione da parte delle stazioni Tv italiane (il loro contributo per programma sarebbe stato minore).
*Contenuti interessanti per un pubblico internazionale.
*Maggiori vendite internazionali, che non solo andrebbero a favore dei produttori, ma anche del settore audiovisivo italiano e del Sistema Italia (turismo, moda, esportazioni, ecc.).

Tags:
ddl cinemaministero dei beni culturaliconsiglio dei ministri
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.