A- A+
Spettacoli
Madonna, Instagram la censura ma i fan non la difendono: anzi la insultano

Madonna criticata per le sue foto su Instagram: "Sei ridicola", "Ha bisogno di aiuto, non infierite", e il social cancella il post

Calze a rete, lingerie che lascia ben poco all'immaginazione, pose allusive al limite dell'hard e un letto che toglie ogni dubbio. E' una Madonna quasi irriconoscibile, anche a causa di un lifting 'estremo' o di un altrettanto estremo photoshop- quella che, in una serie di foto su Instagram accompagnate da poche parole ha lasciato letteralmente a bocca aperta i fan, divisi per lo più tra lo sconcerto e la disapprovazione.

La pop star 63enne, icona della trasgressione anni Ottanta, è apparsa infatti un po' troppo 'sopra le righe' alle migliaia di utenti che la seguono sul social, e che ne hanno immediatamente commentato la 'performance' virtuale.

"Ma che cosa stai facendo, sei impazzita??", scrive una fan. "Sei ridicola!", le fa eco un'altra. "Ma cosa ti è successo? Tu sei meglio di questo!", rincara la dose un altro. C'è poi chi invoca un intervento immediato da parte del social network. "E la censura di Instagram muta", scrive un utente. "Usa Instagram come se fosse Pornhub", incalza un altro.

Ma tra gli oltre 40mila commenti, c'è anche quello di chi cerca di difendere l'artista. "Meravigliosa", azzarda un estimatore. "Ha bisogno di aiuto, non infierite", scrive una fan. "E' una storia molto triste", aggiunge un altro. Dal canto suo, Madonna dà una risposta alle polemiche nelle sue stories, affidandosi ad una citazione della poetessa Mary Oliver. 

"Beauty without purpose is beauty without virtue. But all beautiful things, inherently, have this function — to excite the viewers toward sublime thought. Glory to the world, that good teacher", ovvero: "La bellezza senza scopo è bellezza senza virtù, ma tutte le cose belle hanno questa funzione, di eccitare gli spettatori... verso il pensiero sublime.. gloria al mondo, che è un buon insegnante".

Instagram cancella le foto di Madonna, ma lei le ripubblica: "Contro di me 40 anni di censura, sessismo e ora anche ageismo"

"Sto ripubblicando fotografie che Instagram ha tolto senza preavviso o notifica. La ragione che hanno dato al mio management, che però non gestisce il mio account, è che una piccola porzione del mio capezzolo era visbile.

Mi sembra ancora incredibile che viviamo in una cultura che consente di mostrare ogni altro centimetro del corpo di una donna tranne un capezzolo. Come se quella fosse l'unica parte dell'anatomia di una donna che potrebbe essere sessualizzata. Il capezzolo che nutre il bambino!

Il capezzolo di un uomo non è considerato altrettanto erotico? E che dire del culo femminile che non viene mai censurato da nessuna parte? Ringrazio di essere riuscita a mantenere la mia sanità mentale lungo quattro decenni di censura, sessismo, discriminazione basata sull'età e misoginia. Perfettamente in linea con le bugie cui siamo stati educati, a credere ai pellegrini che spezzano il pane con gli indiani nativi americani. Dio benedica l'America".

Con questo post Madonna contesta la scelta di Instagram di togliere le foto postate giovedì nelle quali esponeva il proprio corpo in modo provocante, includendo la vista di un suo capezzolo. E torna anche sulla polemica scoppiata dopo le reazioni di disappunto dei suoi fan, tese a ridicolizzarla. Madonna non solo difende la sua scelta, ma dice anche senza tanti giri di parole quello che pensa della società del suo tempo e dell'America. 

Nella foto ripubblicata da Madonna, il capezzolo è coperto da un cuoricino rosso.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
censurainstagrammadonna





in evidenza
Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...

Carlo Conti a Sanremo

Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...


in vetrina
Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey

Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey


motori
Alfa Romeo: Glynn Bloomquist e la sua 33 Stradale unica

Alfa Romeo: Glynn Bloomquist e la sua 33 Stradale unica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.