A- A+
Spettacoli
Naga Band, in uscita il nuovo album "Distanze".Le date per ascoltarli dal vivo

Dalle distanze fisiche a quelle mentali. E da quelle temporali, che fanno sì che un luogo non torni mai più come prima e che resti solo un ricordo, a quelle che ci separano dal profondo di noi stessi. Che non ci permettono, cioè, di vivere con pienezza il nostro presente. I Naga, gruppo rock milanese nato nel 2010 e alla loro “secondo lavoro discografico", lanciano l’album “Distanze”, il nuovo cd della band nato da un'attenta selezione fra oltre 15 brani (otto, invece, le tracce finali). Disco in cui il rock la fa ancora da padrone e, come fu per il loro primo lavoro, supporta ancora una volta un testo forte e di denuncia individuale e sociale.    

Distanze, infatti, è il concetto che c'è alla base di tutto l’album: dalle distanze fisiche che "allungano le anime", a quelle mentali che ci vorrebbero omologati e non "diversamente attenti". Distante, ancora, è un'alta vita che per scelta o per circostanze non abbiamo vissuto, come in un ciak diverso di una stessa pellicola. Distanti, poi, si è quando si vorrebbe essere incredibilmente vicini e non sentire accanto il profumo di nessuno. Distanti, infine, ci si sente quando vorremmo essere liberi come animali.  

Il video del singolo "Le distanze che ci allungano le anime"

Marco Parano (batteria), Claudio Flaminio (chitarra), Roberto Dragonetti (basso) trascinati dalla poliedrica voce di Emanuela “Lela” Cortesi hanno saputo mettere in note ancora una volta l'inquietudine costante del vivere un tempo che non accetta compromessi e che spesso non lascia decidere, che schiaccia, opprime e soffoca. Un filo conduttore che lo lega al primo album, “Voglie diverse”, uscito nel 2013.

Il video del singolo "Uno, due, me" dal primo album dei Naga ("Voglie diverse" del 2013)

Dal punto di vista musicale troviamo tante "isole" diverse di un unico concetto. Pezzi come "la distratta", "danza cigno", "un altro ciak", sono spigolosi, con pochi punti di equilibrio, volutamente nervosi. I tre momenti di falsa quiete sono invece affidati a brani come "le distanze che ci allungano le anime", "profumo di nessuno" e "a volte sì". Falsa quiete perché nonostante l'andamento più lento, da ballads, mantengono ugualmente, nel testo e nell'arrangiamento (e nel caso dello strumentale "a volte sì") quel senso di precarietà e disagio che caratterizza l'album. "Salutami Damasco" e " animale”, infine, sono forse i pezzi più classici, sempre nell’arrangiamento, dell’album.


Quando ascoltare i Naga? Per il momento le date sono due. Dopo la presentazione ufficiale alla Blueshouse di Milano a metà maggio, il gruppo si esibirà sabato 3 giugno al circolo Arci “La Scigheira” di via Candiani e sabato 24 giugno all'enoteca “Seventy's Cafè” di via Padova, sempre a Milano, locale spesso teatro di ricercata musica live.  

 

Tags:
naga bandemanuela cortesigruppi rockmusicaconcertialbum distanze naga
in evidenza
Energia e misurabilità ESG Svolta nel libro di Dal Fabbro

Transizione green

Energia e misurabilità ESG
Svolta nel libro di Dal Fabbro

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare


casa, immobiliare
motori
DS3 E-Tense Crossback:protagoniste alla Marina di Santa Margherita Ligure

DS3 E-Tense Crossback:protagoniste alla Marina di Santa Margherita Ligure


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.