A- A+
Spettacoli
Rai, addio Ballarò. Semprini nuovo volto. Tornano Santoro e Ferrara

"Semprini si è dimesso da Sky per raggiungere la Rai e per occuparsi del nuovo programma informativo di Rai 3, che non sarà Ballarò, perché penso che sia finito per motivi legati al suo format. Ho scelto Gianluca Semprini perché non potevo rischiare , non avevo tempo per fare prove, né volevo bruciare un volto. Semprini è, infatti, un grande professionista della tv ed è un volto nuovo. E tra l'altro, ingabbiato negli schemi di Sky, ha potuto mostrare solo una parte delle sue capacità". Lo conferma Daria Bignardi, ascoltata dalla commissione di Vigilanza RAI.

Quello di Semprini sarà un programma diverso dai talk show politici classici: "Non più un talk show di tre ore, ma di 90 minuti - annuncia il direttore - perché il lenzuolo di tre ore non funziona da almeno tre anni" e l'Italia in questo fa davvero eccezione visto che "i talk show durano al massimo 78 minuti come nel caso della Turchia, oppure 68 come accade in Spagna o 45 nel caso della Francia. Finché il lenzuolo pagava bene, allora poteva avere senso perché costava anche poco, ma ora la politica è cambiata, è meno polarizzata, è più complessa e il racconto, di conseguenza, deve essere fatto in modo diverso".

"Giannini è stato eroico - dice la Bignardi - buttato in tre settimane, con gli autori che c'erano, a fare una serata di ben tre ore. Condurre un programma in prima serata è davvero un mestiere. Quando era ospite di Ballarò era un ospite di pregio, funzionava molto bene. Ma qui c'è una criticità. Io non credo che il giornalista della carta stampata abbia gioco facile quando si misura con uno studio televisivo. E' una cosa che un po' deve essere già nel Dna, un po' si impara, ma non si può improvvisare. E' un altro linguaggio". Insomma, il talk del martedì di Raitre sarà più dinamico, ma si contraddistinguerà anche per un altro aspetto: "Sarà un prodotto che farà un grosso lavoro di ricerca dei protagonisti della politica".

Non solo Semprini comunque. Filtrano le voci sul ritorno di Michele Santoro che potrebbe andare su Raidue nella prossima stagione televisiva. Si pensa a serie di docu-fiction realizzate dalla sua casa di produzione. E lui dovrebbe essere in studio a presentare i filmati, senza pubblico né dibattito.

Trattative in corso per Giuliano Ferrara come autore del programma di Pietrangelo Buttafuoco, sempre su Raidue. Il direttore de Il Foglio lasciò la Rai nel 2012, ai tempi di Radio Londra: "Sono un mobbizzato", disse.

Su Raitre nel frattempo ha già firmato Gad Lerner.

Tags:
rai ballaròballarò chiudesantoro raiferrara raisemprini rai
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.