A- A+
Spettacoli
Rai3 verso l'addio della Bignardi. Caos palinsesti: Rai 2 cambia tutto

Dicono che prendere un appuntamento con lei è stata impresa impossibile negli ultimi tempi. Daria Bignardi direttore di Rai 3 sta praticamente fissa a Milano ed in Rai non ha neppure la segretaria. Brava giornalista, forse piu abile a condurre (le Invasioni barbariche) che a dirigere (una rete), Daria ha fatto quel che ha potuto, ma non ha convinto. Lei stessa ha capito che viale Mazzini, posto politico per antonomasia, mal si addice al suo essere ribelle perciò pare che il dado sia ormai tratto: le dimissioni di Bignardi, secondo quanto riferiscono ad Affaritaliani.it fonti del cda, sarebbero imminenti.

Se, come pare, il dg si dimetterà domani rimettendo il suo mandato nelle mani dell'azionista ossia Piercarlo Padoan ministro del Tesoro, Daria dovrebbe seguire la sorte del suo amico e Capo qualche giorno dopo. Torna a scrivere la direttrice di Rai 3, prepara nuovi libri e si guarda intorno. Per una come lei, che casca sempre in piedi, malgrado gli ascolti non entusiasmanti, le porte di Discovery o Sky sono aperte.

Intanto, il cda a rischio azzeramento (Usigrai vorrebbe resettare l'intero consiglio) si occupa dei palinsesti invernali. Quelli estivi sono stati approvati il 22 mentre i prossimi cominciano ad essere esaminati domani. Rivoluzione in atto a Rai 2 dove la bravissima Ilaria Dallatana, l'unico successo conclamato di Campo, ha chiesto ed ottenuto che i programmi venissero improntati ad un taglio più giornalistico anche se appartengono per categoria naturale alla sezione-intrattenimento.

Ecco allora che Michele Guardì stimato da tutti perchè con costi contenuti realizza i piu alti ascolti della rete nel day time, si prepara a cambiare formato e squadra ai Fatti vostri. Giancarlo Magalli resta, Adriana Volpe dovrebbe passare a Mezzogiorno in famiglia. Dopo il noto diverbio fra i 2 conduttori che ha tenuto banco in tv sul web e sui giornali, la Volpe, secondo quanto confermano ad Affaritaliani.it fonti vicine al dg, ha scritto a Campo chiedendogli lumi sul suo futuro professionale.

Alla conduttrice era arrivata una lettera di Galletti, capo del personale, ma dopo una bellissima e limpida carriera ventennale, nessuna certezza le era stata offerta a proposito del rinnovo contrattuale. Si sa che Dallatana non ama lasciare a terra nessuno (con le donne poi è molto solidale) anche se nella scelta dei volti sarà particolarmente attenta ad evitare il trash. Spariscono dai Fatti vostri e da Mezzogiorno in famiglia le rubriche dunque via Stefania Orlando che ha trovato spazio a Telenorba con Buon pomeriggio accanto a Michele Cucuzza e Stefano Palatresi. Ma via pure l'orchestra ed il musicista Marcello Cirillo ai Fatti vostri che punta per il 2017/2018 sulle storie raccontate da giornalisti.

Guardì ha molto feeling con la direttrice di Rai 2 perchè oltre ad essere un grande regista-autore è sostanzialmente un uomo di cultura. Ha appena firmato con Mondadori un contratto importante per un romanzo che uscirà a Natale. Chi ha letto le prime pagine (soprattutto quelle dedicate al delizioso ragazzo siciliano Pistacchio) sostiene che il libro sarà un best seller.

Tornando a Rai 2 si mormora che Magalli possa essere cooptato nella squadra di Quelli che il calcio ormai orfana di Nicola Savino: fra i papabili alla conduzione ci sarebbe la straordinaria Virginia Raffaele anche se qualcuno ha ipotizzato perfino un ritorno di Simona Ventura (cosa però assai improbabile considerato che l'ex conduttrice dell'Isola abbandonò la Rai nel 2011 accusando direttori e gestione "politica" dell'azienda).

Iscriviti alla newsletter
Tags:
rai 3daria bignardiraipalinsesti raii fatti vostriadriana volpegiancarlo magallimezzogiorno in famiglia
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


casa, immobiliare
motori
Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.