A- A+
Spettacoli
Yara, film Netflix: è scontro tra produzione e la famiglia Gambirasio

Yara film Netflix, la produzione Taodue si difende dalla accuse dell'avvocato della famiglia Gambirasio: "E' stata informata ma non voleva partecipare"

Domani 5 novembre sarà disponibile su Netflix il nuovo film "Yara", ispirato all'omicidio della 13enne di Brembate, Yara Gambirasio, di cui è stato accusato Massimo Bossetti. Sebbene il lungometraggio non sia ancora uscito in streaming ha già suscitato diverse polemiche. Alcuni accusano il registra Marco Tullio Giordana (I cento passi) di aver scelto di raccontare un caso di cronaca fin troppo delicato e morboso mentre il legale della famiglia Gambirasio, Andrea Pezzotta, ha attaccato tramite un'intervista su Fanpage la produzione TaoDue, rea di aver contattato i genitori della ragazza uccisa solo alla conclusione delle riprese.

"Non c'è stato nessun accordo, nulla - afferma l'avvocato– La famiglia lo ha scoperto a cose fatte, solo dopo hanno fatto una telefonata a me, ma a film già confezionato. Il film non l'ho neanche visto. I Gambirasio non hanno rilasciato alcuna dichiarazione, non lo fanno in altre circostanze figuriamoci in una situazione del genere". Al coro si è unito anche Claudio Salvagni, avvocato di Bossetti, affermando di non essere stato coinvolto nel progetto e che il film si baserebbe su "informazioni non veritiere".

"Il film si è basato su una scrupolosa lettura delle carte processuali e della documentazione di quanto è accaduto - si difende Pietro Valsecchi, numero uno di Taodue e produttore del film a La Stampa - Le polemiche sono inevitabili quando si parla di storie realmente accadute. Credo che "Yara" restituisca con accuratezza sia gli avvenimenti sia l’atmosfera che si respirava in quei lunghi infelici mesi di indagini".

Per quanto riguarda le ricostruzione del legale della famiglia Gambirasio: "Non è andata così: come ho sempre fatto quando ho scelto di raccontare storie ispirate a fatti e personaggi reali, ho chiamato l’avvocato quando ancora stavamo scrivendo il film. In quell’occasione rispose che la famiglia Gambirasio non intendeva essere coinvolta e ovviamente ho rispettato questa decisione. A fine montaggio l’abbiamo richiamato nel caso avessero cambiato idea, ma la risposta è stata la stessa".

Commenti
    Tags:
    andrea pezzottamarco tullio giordanapietro valsecchiyara film netflixyara gambirasioyara netflix





    in evidenza
    Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

    Guarda le foto

    Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

    
    in vetrina
    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


    motori
    BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

    BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.