A- A+
Esteri

L'Italia non ha voluto rompere l'unita' europea sull'inclusione del braccio armato di Hezbollah nella lista dei gruppi terroristici, pur avendo delle riserve al riguardo: e' quanto hanno riferito fonti diplomatiche dopo il via libera alla decisione dato dai ministri degli Esteri dell'Ue a Bruxelles. Da parte italiana si sottolinea comunque l'importanza che l'accordo abbia preservato gli aiuti finanziari e umanitari e il dialogo politico con il movimento sciita libanese, per evitare che eventuali sanzioni possano portare a una rottura dei rapporti e destabilizzare gli equilibri interni al Paese. Nel corso del dibattito tra i capi delle diplomazie dei Ventotto, protrattosi per un'ora, sono emerse riserve da parte di Italia, Irlanda, Malta e Finlandia mentre Gran Bretagna, Francia, Germania, Olanda e Portogallo hanno premuto per il si'. Tra l'altro, Gran Bretagna e Olanda avevano gia' messo al bando a livello nazionale l'ala militare di Hezbollah.

Tags:
hezbollahlista neraeuropa
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida

Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.