A- A+
Esteri
Amazon accusato di imparzialità negli insediamenti in Cisgiordania

Amazon costringe i palestinesi a elencare Israele come indirizzo per ottenere la spedizione gratuita in Cisgiordania

Amazon, il gigante dell'e-commerce, ha iniziato a novembre a inviare prodotti in Israele e nei territori della  regione contestata della Cisgiordania offrendo la spedizione gratuita per ordini superiori a 49 dollari ma non per tutti, come è emerso da un'inchiesta del Financial Times.

Amazon sta offrendo la spedizione gratuita agli insediamenti israeliani nella Cisgiordania mentre la nega ai vicini palestinesi. Questi infatti possono godere dell'azzeramento delle spese di spedizione solo se elencano Israele come loro paese, nel caso contrario, selezionando Territori Palestinesi come indirizzo, sono soggetti a spese di spedizione fino a 24 dollari.

L'organizzazione attivista Peace Now ha controllato tutti gli indirizzi della Cisgiordania elencati come israeliani e ha scoperto che l'offerta di Amazon si estende a quasi tutti gli insediamenti israeliani nella regione contestata, insediamenti che sono considerati illegali ai sensi del diritto internazionale. 

Infatti, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite, la Corte Internazionale di Giustizia, e il Comitato internazionale della Croce Rossa, si riferiscono alla Cisgiordania come ad un territorio occupato da Israele.

La Cisgiordania, un territorio contestato

Israele ha occupato la Cisgiordania, strappando la regione dal controllo giordano, nella guerra del 1967. Oggi ospita circa 460.000 israeliani, che vivono in insediamenti ampiamente considerati illegali dalla comunità internazionale. I palestinesi hanno denunciato la crescente normalizzazione di questi insediamenti, che sono custoditi dai militari israeliani, come barriera a un'eventuale pace negoziata con Israele.

Nick Caplin, un portavoce di Amazon, ha affermato che "se un cliente all'interno dei Territori Palestinesi inserisce il proprio indirizzo e seleziona Israele come Paese, può ricevere la spedizione gratuita attraverso la stessa promozione".

Le consegne di posta alla Cisgiordania occupata da Israele devono passare attraverso Israele prima di raggiungere il territorio palestinese e sono spesso soggette a lunghi ritardi. Gli attivisti per i diritti umani hanno affermato che offrendo lo sconto esclusivamente agli indirizzi elencati come insediamenti israeliani in Cisgiordania, e non ai Territori palestinesi, Amazon sta affrontando una disputa geopolitica che sta sempre più creando due serie diverse di regole per due popolazioni sempre più intrecciate.

Michael Sfard, un avvocato internazionale israeliano per i diritti umani, ha affermato che la politica di Amazon è "palese discriminazione tra potenziali clienti sulla base della loro nazionalità" in un'unica area geopolitica.

Il Financial Times ha contattato diverse volte Amazon per un commento, la società ha aggiunto che l'esclusione dei territori palestinesi dallo sconto sulle spedizioni era "un problema logistico e non un segno di altra considerazione".

Peace Now ha affermato che la discrepanza nei servizi di Amazon tra israeliani e palestinesi "si aggiunge al quadro generale di un gruppo di persone che gode dei privilegi della cittadinanza mentre un altro popolo che vive nello stesso territorio non lo fa".

Ciò è cambiato nel 2019 quando la società ha sollecitato i venditori locali a utilizzare la piattaforma per vendere a livello locale e globale, nonché a lanciare una versione in lingua ebraica del suo sito Web nel mese di agosto. Con i prezzi al dettaglio in Israele notoriamente alti rispetto ai redditi e poca concorrenza interna per i beni di consumo, l'arrivo di Amazon è stata una gradita notizia per molti israeliani.

Nell'insediamento della Cisgiordania di Efrat, che ospita circa 10.000 israeliani, negli ultimi mesi c'è stato un aumento così massiccio dei pacchi che l'enorme ufficio postale ha spinto la macelleria accanto a consegnare i pacchi ai clienti. "Ogni giorno 100 o 200 pacchi da Amazon", ha dichiarato Meir Cohen, un impiegato dell'ufficio postale di Efrat, definendo il recente afflusso di posta una "follia", come riportato dall'inchiesta del Financial Times.

Secondo gli attivisti le politiche di Amazon collaborano a normalizzare lo stato illegale degli insediamenti israeliani in Cisgiordania

Appena a due miglia a sud di Efrat, tuttavia, la città palestinese di dimensioni paragonabili a Beit Fajjar non ha un servizio postale. Il residente locale Yazeed Odah ha detto che deve viaggiare 45 minuti a Betlemme per recuperare la posta, con il servizio postale palestinese in gran parte disfunzionale, e ha stimato tempi di consegna superiori a un mese.

Amazon non è la prima azienda tecnologica ad incontrare complicazioni quando opera negli insediamenti in Cisgiordania. Nel 2018, il sito di noleggio di case Airbnb ha rimosso le inserzioni nella regione in seguito allo sdegno da parte di funzionari palestinesi e gruppi per i diritti umani, solo per invertire questa decisione meno di un anno dopo la pressione israeliana.

Questa settimana, le Nazioni Unite hanno pubblicato un elenco di 112 aziende identificate come aventi legami commerciali con gli insediamenti israeliani in Cisgiordania che "hanno sollevato particolari preoccupazioni in materia di diritti umani".

Tra quelli nominati oltre ad Airbnb c'erano TripAdvisor, Motorola e Expedia. Amazon non era inclusa. Diana Buttu, ex portavoce dell'OLP e consulente legale nei colloqui di pace tra Israele e Palestina, ha affermato che la politica di Amazon, in effetti, "consente all'attività di insediamento di essere considerata legale quando [non] non lo è". "Il problema è come sono diventati normalizzati gli insediamenti, non solo agli occhi di Israele, ma a livello internazionale", ha aggiunto Buttu.

"E questo è il problema, è che se non inizi a trattarli come illegali, allora diventa così naturale per loro diventare normalizzati."

 

 

 

 

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    spedizione gratuita per chiunque elenca l'indirizzo come israele attaccato come discriminatorio
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Una birra in camera, una in... Ecco il nuovo "giro dei locali"

    Coronavirus vissuto con ironia

    Una birra in camera, una in...
    Ecco il nuovo "giro dei locali"

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 2020 3 IN BILICO PER LA FINALE. LO SCHERZO A SOSSIO.. Gf Vip 4 news

    Grande Fratello Vip 2020 3 IN BILICO PER LA FINALE. LO SCHERZO A SOSSIO.. Gf Vip 4 news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Arriva in Italia la XC40 Recharge la prima Volvo ibrida di serie

    Arriva in Italia la XC40 Recharge la prima Volvo ibrida di serie


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.