A- A+
Esteri
Se Renzi piange, Merkel non ride. Crolla la fiducia nella Cancelliera


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Se Renzi piange in Italia, la Merkel certo non ride in Germania. I leader dei due paesi - in lite fra loro soprattutto per i 3 miliardi da dare alla Turchia - sembrano muoversi di pari passo, in attesa del delicatissimo faccia a faccia in programma il 29 gennaio a Berlino. Il premier italiano ha subito un forte calo negli indici di popolarità ed è alle prese con diverse grane (da Banca Etruria al referendum sulle trivelle), esattamente quello che sta accadendo alla Cancelliera. Il tasso di approvazione di Angela Merkel è infatti sceso del 2,5% nell'ultima settimana, arrivando al minimo storico del 32,5% (lo rivela un sondaggio dell'Insa). "C'e' un chiaro trend contro l'Unione nel paese - ha spiegato il direttore dell'agenzia di statistica, Hermann Binkert, al tabloid tedesco Bild -. Il tempo per invertirlo prima delle elezioni di marzo si sta esaurendo". Il sondaggio rileva anche che altri partiti importanti hanno migliorato le loro performance. I partner della coalizione del cancelliere Merkel, i social-democratici dell'Spd, sono cresciuti dell'1% arrivando al 22,5% (restando comunque al di sotto del dato delle Politiche del 2013); aumentata della stessa cifra anche la destra di Alternative für Deutschlan, che arriva al massimo storico del 12,5% confermandosi nettamente come terza forza politica tedesca. I liberali dell'FDP continuano la loro ripresa al 6,5%.

AfD punta chiaramente a ridiscutere i trattati europei, introducendo un euro forte per le economie del Nord Europa e una debole per i paesi del Mediterraneo (Italia compresa). Ma è soprattutto il tema dei migranti a spingere le formazioni tedesche di destra. Pegida, il movimento anti-Islam, sta raccogliendo sempre nuovi simpatizzanti. E anche AfD chiede il superamento del Trattato di Schengen (e non solo la temporanea sospensione come deciso dalla Cancelliera). I tragici fatti di Colonia, e di tante altre città tedesche, hanno impresso un netto cambiamento nell'opinione pubblica. La Merkel ha così dovuto inseguire l'onda e passare da 'Madre Angela di Berlino' (soprannome datole per l'accoglienza ai profughi) a Cancelliera di ferro, varando in fretta e furia misure rigide per l'espulsione dei migranti che commettono reati. Decisione che non ha comunque sortito alcun risultato nei sondaggi. Anzi...

La Grande Coalizione di Berlino è sempre più spaccata con i bavaresi della Csu che chiedono il pugno di ferro e la sinistra dell'Spd che non vuole inseguire le destre. La Merkel è in mezzo e in balia degli eventi. L'impressione è che la politica tedesca sia a un passo dall'implosione. L'unico dato che ancora consente alla Germania di non "esplodere" è la crescita economica positiva, con una disoccupazione ai minimi dalla Riunificazione del 1990. Ma anche su questo fronte, in realtà, ci sono molte ombre. I nuovi posti di lavoro, specie all'Est, sono quasi tutti precari e a tempo determinato. Una mina sulla poltrona della Cancelliera, che - stando ad alcune indiscrezioni che circolano a Berlino - potrebbe anche decidere di dimettersi (come le ha caldamente consigliato il New York Times) qualora la situazione dell'ordine pubblico e del controllo dell'immigrazione non migliorasse. Se poi anche l'economia dovesse tornare a peggiorare il terremoto politico a Berlino sarebbe davvero vicinissimo.
 

Tags:
merkelangela merkelgermaniaberlino
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Maserati svela la nuova GranTurismo

Maserati svela la nuova GranTurismo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.