A- A+
Esteri
Attacchi a Parigi del 13 novembre, le confessioni del "quarto" uomo
Attacchi a Parigi del 13 novembre, le confessioni del quarto uomo

"Mi hanno detto che dovevo andare in Francia, per compiere una missione, e che avrei ricevuto istruzioni lì". Il 12 febbraio, in un ufficio di polizia austriaca, un uomo confessa dettagli nediti sugli attanteti in Francia dell'autunno precedente.

Arrestato due mesi fa in un campo profughi a Salisburgo, Adel Haddadi è confuso in mezzo alle sue contraddizioni. Il 29enne algerino, che in precedenza si era presentato come un richiedente asilo in Germania, ammette che cercava in realtà di passare la Francia per partecipare per un omicidio di massa.

 Adel Haddadi faceva parte, dalla genesi del progetto, l'unico commando non europeo destinato a colpire Parigi il 13 novembre , a fianco dei bombardieri francesi e belga.

E 'stato reclutato per Rakka, capitale autoproclamatosi dello stato islamico in Siria, con un pakistano di 22 anni, Muhammad Usman, insieme a due fratelli iracheni si sono fatti esplodere vicino allo Stade de France. I quattro uomini viaggiato insieme dalla Siria in Grecia.

Tags:
attacchi francia13 novembreattacchi a parigi
in evidenza
Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality

"Ci sarà anche Maxi Lopez"

Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality


in vetrina
Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra

Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra


motori
Ford svela i prezzi della nuova generazione del Ranger

Ford svela i prezzi della nuova generazione del Ranger

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.