A- A+
Esteri
Bimba kamikaze a 7 anni. Nuova strage in Nigeria

Era una bambina di soli 7 anni la kamikaze che si è fatta esplodere a un posto di controllo all'ingresso di un mercato di Potiskum, nel nord-est della Nigeria, causando 5 morti e diversi feriti. La bambina, ha spiegato un testimone, "si e' rifiutata di sottoporsi ai controlli e poi ha fatto esplodere la bomba".

Potiskum è tristemente nota in Nigeria perché già in precedenza Boko Haram ha usato bambine-kamikze: il 10 gennaio due bimbe, una di 10 ed una di 15, si fecero esplodere causando 7 morti. Questo di oggi vedrebbe il non invidiabile recordo della kamikaze più piccola mai impiegata dai cosiddetti 'talebani d'Africa', assassini che in nome di un'interpretazione distorta della sharia (la legge islamica) seminano morte e distruzione dal 2009 anni in Nigeria e negli ultimi mesi anche in Ciad e Niger.

Tags:
kamikazenigeriabimbastragemortiferitiboko haram
in evidenza
Tra iperemesi e anoressia Paura nel Regno Unito per Kate

La principessa pesa 45 chili, preoccupati sudditi e fan

Tra iperemesi e anoressia
Paura nel Regno Unito per Kate


in vetrina
Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla

Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla


motori
Drivalia lancia CarCloud Next dedicato all'Alfa Romeo Tonale

Drivalia lancia CarCloud Next dedicato all'Alfa Romeo Tonale

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.