A- A+
Esteri
Capitol Hill, condannato a 22 anni Enrique Tarrio, ex capo dei Proud Boys
Henry “Enrique” Tarrio leader dei Proud Boys

Assalto a Capitol Hill, condannato l'ex leader dei Proud Boys Enrique Tarrio

Enrique Tarrio, ex leader del gruppo americano di estrema destra Proud Boys, è stato condannato martedì a 22 anni di carcere, la pena più dura finora comminata per l'attacco al Campidoglio degli Stati Uniti del 6 gennaio 2021. "La nostra ininterrotta tradizione di trasferimento pacifico del potere è stata interrotta quel giorno", ha affermato il giudice distrettuale americano Timothy Kelly.

I pubblici ministeri avevano chiesto una pena detentiva di 33 anni per Tarrio, che non era a Washington il 6 gennaio 2021 ma era stato accusato di aver diretto l'assalto in stile militare al Campidoglio da parte di membri dei Proud Boys. Il 39enne Tarrio e molti altri membri dei Proud Boys sono stati condannati per cospirazione sediziosa a maggio per il loro ruolo nel tentativo di impedire la certificazione del Congresso della vittoria elettorale del democratico Joe Biden del 2020 su Donald Trump. Un altro membro dei Proud Boys, Ethan Nordean, 32 anni, ha ricevuto una condanna a 18 anni di reclusione dal giudice Kelly la scorsa settimana. Anche Stewart Rhodes, il fondatore di un’altra milizia di estrema destra centrale nell’assedio del Campidoglio, gli Oath Keepers, è stato condannato a 18 anni di prigione all’inizio di quest’anno.

Capitol Hill, Enrique  Tarrio, il cubano-americano condannato per l'assalto al Campidoglio

Enrique Tarrio, nato a Miami da genitori cubani, ha guidato il gruppo di estrema destra Proud Boys dal 2018 al 2021, ha assistito all’assalto del 6 gennaio 2021 a Capitol Hill da un hotel a Baltimora, a circa 45 miglia dalla scena del peggior attacco alla democrazia nella storia degli Stati Uniti. Non era a Capitol Hill perché due giorni prima era stato arrestato all'arrivo a Washington da Miami per un altro incidente controverso: l'incendio di una bandiera con la scritta "Black Lives Matter" in una chiesa storica della comunità. Al momento del suo arresto, la polizia ha trovato nel suo zaino due cartucce di proiettili di fucile d'assalto con il logo dei Proud Boys. È stato rilasciato con l'ordine di allontanarsi da Washington e, successivamente, le autorità hanno ammesso che la sua detenzione era avvenuta per prevenire possibili atti di violenza durante la marcia che Trump aveva indetto per il 6 gennaio 2021 con lo slogan "Stop al furto". Tarrio però non lasciò immediatamente la città. Un giorno prima dell'assalto al Campidoglio, incontrò in un parcheggio sotterraneo a Washington il leader di un'altra organizzazione di estrema destra, il fondatore degli Oath Keepers, Stewart Rhodes. Inoltre, ha trascorso i giorni precedenti l'attacco inviando istruzioni ad altri membri dei Proud Boys. Ha chiesto a uno dei suoi luogotenenti in un messaggio Telegram: "Qualunque sia il risultato... fai che sia uno spettacolo". 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
capitol hillenrique tarrioproud boys





in evidenza
Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura

E non è Selvaggia Lucarelli. Ecco chi è

Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura


in vetrina
Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista

Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista


motori
Mercedes-AMG E 53 HYBRID 4MATIC+: Performance ibrida senza compromessi

Mercedes-AMG E 53 HYBRID 4MATIC+: Performance ibrida senza compromessi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.