A- A+
Esteri
Caso Regeni: la tutor egiziana borsista di Soros

Premessa d’obbligo in un settore dominato spesso dal nefando complottismo. Questo articolo vuole solo rendere noti alcuni fatti (che sembrano sufficientemente acclarati da fonti ufficiali), di cui alcuni sono coincidenze significative, che non conducono a nessuna “verità”, ma forniscono solo spunti su cui meditare e non delineano alcuno scenario certo.

Sono passati ormai due anni dalla scomparsa del ricercatore italiano Giulio Regeni, dottorando all’Università di Cambridge, in Inghilterra, seguito dalle due professoresse Maha Abdelrahman (recentemente perquisita in UK nell’ambito delle indagini in corso) e dalla professoressa Rabab El Mahdi dell’Università Americana de Il Cairo.

Regeni, come è noto, è stato torturato ed ucciso in Egitto, ma ancora non si hanno colpevoli, con indagini ancora in corso.

L’aspetto su cui voglio attirare l’attenzione riguarda la presenza (e si badi bene non il coinvolgimento) nella vicenda della Open Society del magnate ungherese George Soros, l’uomo che con le sue speculazioni mise a rischio finanziario l’Italia e il Regno Unito.

Regeni lavorò per un anno in una società di ricerca privata, l’Oxford Analytica, che si occupa di scenari geopolitici medio - orientali e di intelligence.

http://www.lastampa.it/2016/02/16/esteri/regeni-a-londra-lavor-per-unazienda-dintelligence-Ue3kZmmArej9wuMH279t5J/pagina.html

Essa è stata fondata da David Young attivo con ruoli apicali durante il Watergate sotto la presidenza di Nixon.

Nel board della società figura la dottoressa Liz David Barrett già dipendente della Open Society, che peraltro finanzia apertamente l’università di Cambridge:

http://www.oxan.com/about/people/region-heads/

https://www.cambridgetrust.org/partners/open-society-foundation

La docente di riferimento di Regeni al Cairo era Rabab El Mahdi, professoressa all’Università americana del Cairo, sostenitrice delle “primavere colorate” medio - orientali.

https://www.loccidentale.it/articoli/144412/regeni-cambridge-e-il-fallimento-delle-primavere-arabe

Questa insegnante ha ottenuto una borsa sempre dall’Open Society nel 2015:

https://www.opensocietyfoundations.org/about/programs/open-society-fellowship/grantees/rabab-el-mahdi

http://www.aucegypt.edu/fac/rababel-mahdi-0

e insegna in una Università finanziata sempre dall’Open Society:

http://schools.aucegypt.edu/GAPP/execed/Pages/Partners.aspx

Una delle piste che sta emergendo attualmente in questa intricata vicenda è quella di un ruolo attivo della Professoressa di Cambridge (lei ha sempre smentito) che si è mostrata reticente sulla vicenda ed è stata, come detto, recentemente sottoposta a perquisizioni in Inghilterra su impulso delle Autorità italiane:

http://www.ilpost.it/2018/01/10/regeni-interrogatorio-perquisizione-rahman/

Altresì è nota l’attività di Soros e della sua Open Society sul fronte del finanziamento ad iniziative liberali e legate ai diritti umani certamente meritorie come le primavere arabe, tra cui quella egiziana.

Il giornale guida dei liberal Usa, il New York Times, ha seguito particolarmente il caso accusando la Francia di non fare adeguate pressioni sull’Egitto.

Tags:
regenisorosoxford analyticaopen societyegitto
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Honda svela la nuovo generazione di HR-V

Honda svela la nuovo generazione di HR-V


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.