A- A+
Esteri
Coca Cola apre nella Striscia di Gaza uno stabilimento e sfida gli Usa

COCA COLA APRE UN IMPIANTO NELLA STRISCIA DI GAZA

 

La Coca-Cola, icona n. 1 del Made in Usa, ha aperto un impianto nella Striscia di Gaza, l'enclave costiera palestinese controllata da 2007 da Hamas. La società di Atlanta sfida così apparentemente gli Stati Uniti che hanno inserito Hamas nella lista nera delle organizzazioni terroristiche.

L'impianto di imbottigliamento parzialmente già in attività da qualche mese è oggi entrato nella piena operatività al termine di una cerimonia ufficiale.

 

COCA COLA SFIDA LA POLITICA ESTERA USA E APRE UNO STABILIMENTO A GAZA

 

L'impianto è costato alla Coca-Cola 20 milioni di dollari e creerà circa 120 posti di lavoro, con una possibile espansione fino a 270.

"L'apertura del nostro primo impianto a Gaza è un importante pietra miliare", ha dichiarato Zahi Khouri, fondatore della National Beverage Company responsabile della Coca-Cola nei territori palestinesi "Il nostro impianto a Gaza dimostra il nostro impegno ad investire e sostenere il progresso nelle comunita' intorno al mondo", ha dichiarato l'Ad della Coca-Cola, Muhtar Kent.

Tags:
coca cola usa
in evidenza
Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality

"Ci sarà anche Maxi Lopez"

Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality


in vetrina
Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra

Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra


motori
Nuove Alpine A110 R, progettata per la pista omologata per la strada

Nuove Alpine A110 R, progettata per la pista omologata per la strada

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.