A- A+
Esteri
Lush alla Colombia, stop alle violenze nei confronti dei miei fornitori

Dal 10 al 16 marzo 2014 centinaia di botteghe Lush, il brand etico di cosmetici freschi e fatti a mano, saranno impegnate in una campagna internazionale per far conoscere a tutti la comunità pacifista di San José de Apartadó invitando le persone a sottoscrivere una petizione per la sua tutela. Lush Cosmetics, insieme a Peace Brigades International, racconterà la storia di questa comunità per le vie principali e nei centri commerciali di vari Paesi nel mondo.
 
In Italia, nella settimana dal 10 al 14 marzo, sarà possibile firmare la petizione a favore della comunità pacifista colombiana in tutte le botteghe Lush. La petizione è sottoscrivibile anche on line all'indirizzo www.lushpetitions.com. In particolare, mercoledì 12 marzo, alle 12.00, nel negozio Lush di Via Dante 15 a Milano lo staff dedicherà un momento di riflessione sui contenuti della campagna.

La comunità pacifista di San José de Apartadó è stata fondata il 23 marzo 1997. Si tratta di una comunità autodichiaratasi zona neutrale di pace, che rifiuta la propria partecipazione al cinquantennale conflitto armato fra governo, paramilitari e ribelli della Colombia. A livello internazionale è supportata da Peace Brigades International che si appella alle leggi umanitarie  e ai diritti umani internazionali per chiederne la protezione.
 
Lush ha iniziato la propria relazione con la comunità pacifista di San José de Apartadó tre anni fa'. Dal 2011 la comunità è fornitrice ufficiale per Lush di noci di cocco, coltivate come fonte di sostentamento per i suoi abitanti. Durante la campagna, lo staff delle botteghe inviterà le persone a provare un massaggio fatto con gli oli da massaggio solidi di Lush "Peace" e "Scioglimi", realizzati proprio con il cocco prodotto dalla comunità di San José de Apartadó.
 
Simon Constantine, responsabile dell'ethical buying team di Lush e figlio dei fondatori Mark e Mo Constantine, ha dichiarato: "Il commercio equo è la nostra priorità ed è per noi un privilegio poter supportare le persone di San José de Apartadó. Il fatto che una comunità così forte si sia formata di fronte a simili avversità ci ha dato speranza e faremo qualsiasi cosa in nostro potere per supportarla".
 
Tamsin Omond, responsabile delle campagne internazionali di Lush, ha affermato: "Stiamo invitando le persone a firmare una petizione che chiede al governo colombiano di riconoscere e rispettare le neutralità della comunità pacifista di San José de Apartadó e di risarcirla dei crimini che sono stati commessi in passato contro di essa. Insieme a Peace Brigades International speriamo di ampliare la visibilità, il supporto e la solidarietà nei confronti di questa comunità davvero ispiratrice".
 
Susi Bascon, Direttrice UK di Peace Brigades International, ha dichiarato: "Per oltre 15 anni abbiamo assistito la comunità pacifista di San José de Apartadó con una presenza internazionale. Siamo stati testimoni delle minacce e delle intimidazioni di cui è stata oggetto così come dei creativi e innovativi sforzi dei loro membri per mantenersi neutrali nel mezzo del conflitto. Vedere come, nonostante le oltre 250 persone uccise all'interno della comunità, i loro principi e i loro valori siano rimasti intatti ci ha insegnato molto".

Tags:
colombia
in evidenza
Jo Squillo in burqa per le donne La protesta scade nel ridicolo

GF VIP 2021

Jo Squillo in burqa per le donne
La protesta scade nel ridicolo

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.