A- A+
Esteri
Lush alla Colombia, stop alle violenze nei confronti dei miei fornitori

Dal 10 al 16 marzo 2014 centinaia di botteghe Lush, il brand etico di cosmetici freschi e fatti a mano, saranno impegnate in una campagna internazionale per far conoscere a tutti la comunità pacifista di San José de Apartadó invitando le persone a sottoscrivere una petizione per la sua tutela. Lush Cosmetics, insieme a Peace Brigades International, racconterà la storia di questa comunità per le vie principali e nei centri commerciali di vari Paesi nel mondo.
 
In Italia, nella settimana dal 10 al 14 marzo, sarà possibile firmare la petizione a favore della comunità pacifista colombiana in tutte le botteghe Lush. La petizione è sottoscrivibile anche on line all'indirizzo www.lushpetitions.com. In particolare, mercoledì 12 marzo, alle 12.00, nel negozio Lush di Via Dante 15 a Milano lo staff dedicherà un momento di riflessione sui contenuti della campagna.

La comunità pacifista di San José de Apartadó è stata fondata il 23 marzo 1997. Si tratta di una comunità autodichiaratasi zona neutrale di pace, che rifiuta la propria partecipazione al cinquantennale conflitto armato fra governo, paramilitari e ribelli della Colombia. A livello internazionale è supportata da Peace Brigades International che si appella alle leggi umanitarie  e ai diritti umani internazionali per chiederne la protezione.
 
Lush ha iniziato la propria relazione con la comunità pacifista di San José de Apartadó tre anni fa'. Dal 2011 la comunità è fornitrice ufficiale per Lush di noci di cocco, coltivate come fonte di sostentamento per i suoi abitanti. Durante la campagna, lo staff delle botteghe inviterà le persone a provare un massaggio fatto con gli oli da massaggio solidi di Lush "Peace" e "Scioglimi", realizzati proprio con il cocco prodotto dalla comunità di San José de Apartadó.
 
Simon Constantine, responsabile dell'ethical buying team di Lush e figlio dei fondatori Mark e Mo Constantine, ha dichiarato: "Il commercio equo è la nostra priorità ed è per noi un privilegio poter supportare le persone di San José de Apartadó. Il fatto che una comunità così forte si sia formata di fronte a simili avversità ci ha dato speranza e faremo qualsiasi cosa in nostro potere per supportarla".
 
Tamsin Omond, responsabile delle campagne internazionali di Lush, ha affermato: "Stiamo invitando le persone a firmare una petizione che chiede al governo colombiano di riconoscere e rispettare le neutralità della comunità pacifista di San José de Apartadó e di risarcirla dei crimini che sono stati commessi in passato contro di essa. Insieme a Peace Brigades International speriamo di ampliare la visibilità, il supporto e la solidarietà nei confronti di questa comunità davvero ispiratrice".
 
Susi Bascon, Direttrice UK di Peace Brigades International, ha dichiarato: "Per oltre 15 anni abbiamo assistito la comunità pacifista di San José de Apartadó con una presenza internazionale. Siamo stati testimoni delle minacce e delle intimidazioni di cui è stata oggetto così come dei creativi e innovativi sforzi dei loro membri per mantenersi neutrali nel mezzo del conflitto. Vedere come, nonostante le oltre 250 persone uccise all'interno della comunità, i loro principi e i loro valori siano rimasti intatti ci ha insegnato molto".

Tags:
colombia
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Nuova Opel Astra Sports Tourer è “Auto Familiare del 2022”

Nuova Opel Astra Sports Tourer è “Auto Familiare del 2022”

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.