A- A+
Esteri
Covid-19, l’India mangiata dalla pandemia e dall’incapacità
Lapresse

“40000 contagi  da Coronavirus registrati in un giorno e oltre 4000 morti” è il drammatico record raggiunto solo ieri dall’India.

E l’occupazione dei letti negli ospedali è stata superata in maniera ormai impossibile da gestire.

Nella popolosa Nuova Delhi, ad esempio, l'Holy Family Hospital ha oltrepassato i limiti di riempimento del 140%.

“A volte è impossibile camminare nel pronto soccorso-raccontano i sanitari della terapia intensiva dell’ospedale-e spesso è necessario tenere il paziente in pronto soccorso per ore, per un giorno o due, perché non ci sono i letti nei reparti di terapia intensiva".

E le grida di disperazione dei medici non si fermano “Abbiamo usato aree pubbliche dell’ospedale, corridoi, lo stesso ambulatorio che abbiamo attrezzato con monitor e bombole dell’ossigeno”.

La maggior parte degli ospedali sta facendo tutto il possibile ma, quello che è certo, è che il sistema sanitario è crollato.

Diverse dichiarazioni riprese in differenti momenti danno un’idea completa delle difficoltà crescenti a cui sono sottoposti medici e personale sanitario indiano.

“Il nostro team è oltre il limite dello sforzo. Abbiamo bisogno di più ventilatori perchè non reggiamo ai picchi di contagio che si verificano mediamente ogni due o tre settimane dopo. I pazienti finiscono in terapia intensiva e aumenta il numero dei morti”.

Ed ancora “ abbiamo molti pazienti che hanno bisogno di letti in terapia intensiva, ma non abbiamo letti in terapia intensiva per loro. Quindi li stiamo gestendo in unità ad alta dipendenza, in reparti, con una qualità di assistenza che, ovviamente, non è la stessa”.

Il mondo sanitario aveva capito da tempo quali sarebbero stati i problemi e aveva chiesto al Governo di aumentare le terapie intensive ma con una gestione dall’alto. Tutto questo però non è ancora successo e la situazione al momento è fuori controllo.

Anche perchè la rete dei “cosiddetti medici di base” non esiste e quindi i medici dell’ospedale cercano via mail di sostituirsi a loro con le famiglie dei malati ma con difficoltà crescenti e risultati scarsi dato l’alto numero di persone ammalate.

Sicuramente anche l’India, insieme al Brasile di Bolsonaro, è uno dei paesi dove la gestione della pandemia a livello di Governo è stata un evidente flop. Esitazione sui vaccini, nessun investimento per creare nuovi centri di soccorso e di terapia intensiva, ritardi sui lockdown, nessuna trasparenza sui dati, sottostima della gravità della pandemia.

E le consuetudini religiose con assembramenti senza sicurezza hanno dato il colpo mortale alla tragedia annunciata in India.

Un paese dove le persone muoiono in ambulanza perchè non riescono nemmeno ad ottenere un posto in ospedale, muoiono a casa perchè nemmeno arrivano all’ambulanza che non si fa vedere, muoiono in pronto soccorso perchè non ci sono letti in terapia intensiva. Non è impossibile trovare cadaveri nelle strade o pire di fuoco dove vengono bruciati.

Questa è l’India adesso, mentre ancora nel mondo si parla di togliere o lasciare i brevetti alle multimiliardarie BIG Pharma.

 

 

 

I

 

Commenti
    Tags:
    indiacovid-19pandemiacontagimortiterapia intensiva





    in evidenza
    Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

    La conduttrice vs Striscia la Notizia

    Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

    
    in vetrina
    Affari in Rete

    Affari in Rete


    motori
    Dacia rivoluziona il nuovo Duster, più tecnologico e sostenibile

    Dacia rivoluziona il nuovo Duster, più tecnologico e sostenibile

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.