A- A+
Esteri
Crisi Ucraina, Putin ha ragione: è fallito il modello di governo democratico

Guerra Russia-Ucraina, l'Occidente ha solo acuito le tensioni: il modello promosso da Biden-Sarkozy non funziona

Andiamo verso il Per sempre sia lodato Carlo Marx? La domanda, che farebbe dire all’acuto giovane filosofo Fusaro "alla buon'ora, ci sei arrivato!", nasce per la conferma della riscoperta dell'acqua calda: l'uomo, perennemente insoddisfatto, è portato alla sopraffazione sull'uomo e, di conseguenza, le nazioni, sempre in fermento e insoddisfatte con ineliminabili conflitti interni per confermare o cambiare capo o maggioranza, tendono alla sopraffazione sulle altre nazioni.

La legge della giungla e il turbocapitalismo, mettono continuamente in pericolo le situazioni di equilibrio e, prima o poi, si risolvono le contese col solito sistema: ha ragione chi può menare di più. Col progresso in generale e in particolare quello tecnologico, siamo arrivati alle armi NBC (Nucleari, Biologiche, Chimiche, oggetto di un corso con esame per gli allievi ufficiali). Quindi armi atomiche, poi le nucleari, assai peggiori.  All'uso di armi a base di veleni gassosi, ricorrevano i cinesi circa 1000 anni fa. I gas nervini furono vietati, messi fuori legge con la Convenzione di Ginevra nel 1925.

Proibizioni incredibilmente ingenue (continuarono a essere usati), di ottimisti ignoranti delle vette di brutalità a cui porta la disperazione di chi sta perdendo la vita e la guerra: Hitler divenne Hitler, anche perché sperava di poter usare un’arma “segreta”, molto più potente e devastante di tutte le altre e quindi, risolutrice del conflitto, anche in extremis. Non è un caso che gli Usa, che avevano fatto man bassa dei segreti tedeschi, oltre che per ottenere la benzina sintetica, anche di scienziati che lavoravano all’arma segreta e dei loro documenti, sganciarono le atomiche sul Giappone, a guerra ormai vinta, a scopo umanitario. Per terminare prima la guerra. Poi si arrivò alle meno costose armi batteriologiche, fino a quelle virologiche. 

Chi crederebbe che la successiva grande Convenzione sulle armi chimiche del 1993 che ribadiva il divieto di tali armi, abbia interrotto le frenetiche ricerche “precauzionali” su armi sempre più micidiali, ogni blocco di nazioni o singole nazioni pensando che gli altri, possibili futuri nemici, stavano facendo altrettanto? 

Lo sviluppo di armi batteriologiche, prima o poi doveva spingere verso le più pericolose armi per una guerra virologica, preferibile a quella batteriologica i cui danni sarebbero superati inizialmente con gli antibiotici. 

Il 5 febbraio 2017 un lavoro su Nature rivelò che a Whuan si lavorava, a scopi bellici, con i patogeni più pericolosi. Vedi  Un laboratorio cinese per i patogeni più pericolosi del mondo di David Cyranoski/Nature.

(segue)

 

LEGGI ANCHE:

Ucraina: le bombe di Putin su Kiev sono bombe su Berlino, Parigi e Roma

Ucraina, Biden: "Guerra premeditata da mesi". Putin: sanzioni? Non vi conviene

Ucraina, 6 ore di Consiglio Ue. "Iniziata una nuova era, lo ha deciso Putin"

Commenti
    Tags:
    crisi ucraina





    in evidenza
    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    La classifica comscore

    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    
    in vetrina
    Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni

    Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni


    motori
    DS Automobiles celebra 10 Anni in Italia con la serie speciale EDIT10N LIMITÉ

    DS Automobiles celebra 10 Anni in Italia con la serie speciale EDIT10N LIMITÉ

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.