A- A+
Esteri
Svolta nei rapporti tra Cuba e Usa. Liberato il contractor Alan Gross

Siamo pronti a "iniziare un nuovo capitolo nelle relazioni tra le Americhe e a normalizzare quelle con Cuba". Lo ha detto Barack Obama in un intervento in cui ha annunciato una revisione completa della politica verso Cuba, in quello che la Casa Bianca definisce un "passo storico in direzione di un nuovo corso" nei rapporti tra i due Paesi che prevede il ripristino delle piene relazioni diplomatiche dopo oltre mezzo secolo. Nell’accordo, di cui Obama e Raul Castro hanno parlato in una telefonata altrettanto simbolica, gli Stati Uniti dovrebbero annunciare la rimozione delle restrizioni ai viaggi e al trasferimento di denaro con Cuba e l'apertura di un'ambasciata americana a L'Avana.

Obama ha dato al segretario di Stato John Kerry "il mandato ad avviare negoziati immediati con Cuba per riavviare il dialogo fermo dal 1961". La questione dell'embargo americano a Cuba non e' ancora risolta: lo ha affermato il presidente Raul Castro, in un discorso trasmesso in diretta tv. "Abbiamo deciso di ristabilire le relazioni diplomatiche, questo non vuol dire che il problema principale sia stato risolto: il blocco economico che provoca tantissimi danni al nostro Paese e che deve necessariamente cessare", ha affermato Castro.

Come parte dell’intesa, il contractor americano Alan Gross è stato rilasciato da una prigione a Cuba. Collaboratore di Usaid (agenzia americana specializzata nell’assistenza ai Paesi in via di sviluppo), Gross era stato arrestato 5 anni fa mentre distribuiva materiale elettronico alla comunità ebrea all'Avana e condannato a 15 anni di prigione per spionaggio. Per il rilascio di Alan Gross, gli Usa hanno accettato di liberare per motivi umanitari 3 agenti cubani detenuti in Usa dopo un processo controverso che li ha condannati per spionaggio nei confronti di gruppi anti-Castro a Miami.

Il Vaticano ha giocato un ruolo da garante nelle trattative fra Stati Uniti e Cuba, iniziate lo scorso anno. Papa Francesco ha inviato una lettera ai due leader per arrivare a un’intesa. Papa Francesco esprime "vivo compiacimento per la storica decisione dei Governi degli Stati Uniti d'America e di Cuba di stabilire relazioni diplomatiche, al fine di superare, nell'interesse dei rispettivi cittadini, le difficoltà che hanno segnato la loro storia recente". Così una nota della Segreteria di Stato vaticana.

Raul Castro e Barack Obama si sono incrociati in Sud Africa, ai funerali di Nelson Mandela. Proprio un anno fa. In verità i contatti tra le due diplomazie proseguono da tempo, all’inizio dai primi mesi dell’insediamento di Obama alla Casa Bianca.

Tuttavia è nel 2014 che si sono intensificati i rapporti tra Stati Uniti e Cuba, soprattutto in seguito alle pressioni congiunte di democratici e conservatori americani. Tutti d’accordo sull’inefficacia dell’embargo. La lettera inviata a Obama da una quarantina di personalità di spicco (tutti americani) in ambito economico, politico, militare, culturale chiede a)?aumentare i voli tra Usa e Cuba, con una riduzione delle condizioni di viaggio b)?aumentare l’appoggio della società civile, moltiplicando le occasioni di scambi commerciali c) favorire il dialogo bilaterale d) offrire garanzie alle istituzioni finanziarie disposte a operare a Cuba.

Il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha accolto con sincero apprezzamento lo storico annuncio effettuato oggi dal Presidente Obama e dal Presidente Castro di un disgelo nei rapporti tra gli Stati Uniti e Cuba. Nell'occasione, il Presidente Renzi ha rivolto un pensiero riconoscente a Sua Santita' Papa Francesco, il cui interessamento e costante sostegno hanno svolto un ruolo cruciale nello scrivere una pagina storica che conferma il Suo personale impegno per la pace e la fratellanza tra i popoli. Il riavvicinamento tra questi due Paesi rappresenta un passo avanti straordinario verso quegli obiettivi di apertura e dialogo che l'Italia, anche nella sua veste di Presidente di turno dell'Unione Europea, considera elementi essenziali di una politica estera rivolta alla promozione dei valori di democrazia e cooperazione. Si apre ora una nuova pagina nelle relazioni tra gli Stati Uniti e Cuba, foriera di nuove opportunita' di sviluppo e crescita civile e economica delle quali trarra' giovamento l'intero emisfero occidentale. L'Italia, alleato e partner strategico degli Stati Uniti e Paese legato da tradizionali vincoli di amicizia con il popolo cubano, non fara' mancare il proprio sostegno attraverso un rinnovato impegno e presenza nella regione mediante iniziative di collaborazione in campo politico, economico-commerciale, culturale e scientifico.

Tags:
cubausa
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.