A- A+
Esteri
Egitto: al-Jazira, ministro Giustizia rimosso per offese Maometto

Il ministro della Giustizia egiziano, Mohammed al Zend, sarebbe stato rimosso dal suo incarico nel governo del Cairo per aver offeso il profeta dell'Islam, Maometto. Lo riferisce l'emittente televisiva al Jazira. Secondo la ricostruzione della tv qatariota, a provocare la crisi e' stata un'intervista rilasciata dal ministro venerdi' scorso ad una emittente televisiva locale: al Zend ha dichiarato che "chiunque violi la legge puo' essere arrestato, anche se si tratta del Profeta, pace e benedizione su di lui".

E poi, forse consapevole di aver esagerato, ha aggiunto: "Che Allah mi perdoni". Le sue parole hanno fatto in breve tempo il giro del web e sono state considerate un'espressione blasfema anche dai vertici di al Azhar, principale istituzione dell'Islam sunnita. Domenica lo stesso ministro ha diffuso una nota di scuse affermando che si e' trattato di un "incidente involontario". Ma evidentemente non e' bastato.

Tags:
egittoal-jaziramaometto
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.