A- A+
Esteri
Egitto, scoperto un nuovo corridoio nella piramide di Cheope

Egitto, nella Piramide di Cheope è stato scoperto un nuovo corridoio fino a ora sconosciuto

In Egitto la Piramide di Cheope costruita sull’altopiano di Giza durante la IV dinastia dal faraone Khufu, o Cheope, che regnò dal 2609 a.C. circa al 2584 a.C., continua a riservare sorprese. Dopo 8 anni di ricerche, il team internazionale di studiosi e archeologi di ScanPyramids ha annunciato la scoperta di un tunnel che sino a oggi era sconosciuto, lungo 9 metri e largo 2,10 e situato dietro l’entrata principale sul lato Nord. A dare la notizia della scoperta è stato l’archeologo egiziano Zahi Hawass.

Guarda il video della scoperta del nuovo corridoio nella Piramide di Cheope

ScanPyramids SP-NFC 2023 Report from HIP Institute on Vimeo.

Durante l'annuincio l'archeologo egiziano Zahi Hawass ha detto: "Crediamo che qualcosa sia nascosto sotto quest’area. La tomba di Cheope potrebbe trovarsi sotto quel tunnel". Il sarcofago del faraone, infatti, non è stato ancora trovato. Gli esperti suppongono che potrebbe trovarsi proprio in una stanza sotterranea non ancora scoperta. Il tunnel è stato sondato da una telecamera che è stata introdotta all’interno del corridoio grazie a una fessura di pochi millimetri. Il tunnel si estende orizzontalmente rispetto al suolo e ha una forma a chevron, ossia una 'v' rovesciata e, secondo gli esperti, non è stato completato. Un aspetto che secondo Hawass condurrà a rivelare altri segreti all’interno della piramide di Cheope.

 

LEGGI ANCHE: Egitto, scoperta una tomba "straordinaria". Ma era tutto costruito un anno fa

Dal 2015 a oggi, l'evoluzione delle ricerche

Le ricerche sono iniziate nel 2015. Nel 2016 le squadre scientifiche hanno rilevato alcune anomalie termiche nell’area dello chevron situata sul lato nord della piramide di Cheope. I ricercatori del progetto hanno installato dunque pellicole a emulsione di muoni nel corridoio discendente situato sotto lo chevron, rilevando la presenza di un vuoto prima sconosciuto, e ridenominato 'Scanpyramids North Face Corridor'

LEGGI ANCHE: MM, Egitto e dinosauri alla Centrale dell'Acqua di Milano

Come spiegato nello studio pubblicato sulla rivista Nature Communications, il team ha infatti spiegato di aver usato la tecnica della radiografia a muoni a raggi cosmici, particelle subatomiche che sono solo parzialmente assorbite dalla pietra. I ricercatori hanno dunque deciso di installare sette rilevatori all’interno di due corridoi della piramide per un periodo di tre anni, dal 2016 al 2019, al fine di tentare di catturare questi muoni, fornendo informazioni sulla tipologia di materia che hanno attraversato, e misurando in dettaglio le dimensioni, la forma e la posizione del corridoio della parete nord, senza entrarvi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
egittopiramide cestiazahi hawass





in evidenza
La sua prima volta senza la Formula 1? Cos'ha fatto la star di Sky Sport

Nostalgia Masolin

La sua prima volta senza la Formula 1? Cos'ha fatto la star di Sky Sport


in vetrina
Torna il gelo (dalla Russia) con neve fino in pianura

Torna il gelo (dalla Russia) con neve fino in pianura


motori
Opel Corsa Hybrid: un nuovo passo verso l’elettrificazione

Opel Corsa Hybrid: un nuovo passo verso l’elettrificazione

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.