A- A+
Esteri
Francia, dopo le pensioni i mega bacini. Esplode anche la protesta verde

Nuovo fronte per Macron: le proteste green

La rivolta in Francia diventa 'Verde'. Dopo giorni di manifestazioni violente che hanno messo a ferro e fuoco il Paese dopo la riforma delle pensioni approvata dal Governo senza il voto del Parlamento, oggi è stata la volta degli ambientalisti.   Una guerra per l'acqua si è scatenata a Sainte-Soline, comune di poco più di trecento abitanti nella regione della Nuova Aquitania, nel cuore della Francia. Nel mirino i mega-bacini, in tutto 16, che le autorità locali hanno previsto per raccogliere un totale di sei milioni di metri cubi d'acqua da dedicare all'irrigazione dell'agricoltura. Già in ottobre c'era stata una prima contestazione, ed erano stati registrati violenti scontri tra polizia e attivisti.

Oggi in migliaia, sotto l'egida del cartello ecologista 'Bassins non merci', si sono radunati in corteo nell'area, nonostante il divieto della prefettura. Il clima si è infuocato nelle ore successive, i manifestanti hanno iniziato a lanciare molotov e a bruciare le camionette dei gendarmi che, a loro volta, hanno iniziato a disperdere i manifestanti con gli idranti e i lacrimogeni.  

Secondo i dati forniti dal ministro dell'Interno Gerals Darmanin ci sarebbero stati 24 agenti feriti, di cui uno molto grave, e 7 manifestanti. Gli organizzatori parlano di una cinquantina diferiti in tutto. "A Sainte-Soline, l'ultrasinistra e l'estrema sinistra sono di una violenza estrema contro i nostri gendarmi - ha twittato il ministro -. Inqualificabile, insopportabile. Nessuno dovrebbe tollerarlo. Appoggio totale alle nostre forze dell'ordine". 

- COSA È UN MEGA-BACINO

Si parla generalmente di "bacini" o "mega-bacini", ma il termine ufficiale, preferito dai difensori di questi progetti, è "riserva" o "serbatoio sostitutivo". Si tratta di una struttura simile a un cratere circondata da un tumulo alto diversi metri, coperto da un telo di plastica per l'impermeabilizzazione. La sua funzione è semplice: attingere acqua da falde acquifere poco profonde in inverno, quando le precipitazioni sono più frequenti, immagazzinarla all'aria aperta e utilizzarla in estate per irrigare le colture. La Deux-Sèvres Water Coop, che riunisce gli agricoltori che realizzano il progetto, stima che queste opere dovrebbero contenere poco più di 6 milioni di metri cubi, ovvero dal 20% al 30% del volume totale utilizzato per l'irrigazione nel dipartimento.

- COSA CONTESTANO GLI AMBIENTALISTI

Per le organizzazioni ecologiste, i mega-bacini sono il sintomo di un sistema agricolo ad alta intensità d'acqua, che cerca palliativi per siccità ricorrenti e che mantiene l'illusione che basti un piccolo adattamento ai cambiamenti climatici. Per Jean-François Soussana, membro dell'Alto Consiglio per il Clima, questi serbatoi d'acqua potrebbero anche essere un "mal-adattamento". "Avremo bisogno (entro il 2050), di cambiamenti nei sistemi di produzione per ridurre le esigenze di irrigazione e raggiungere un migliore equilibrio con il clima mentre si evolve".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
franciagreenpensioni





in evidenza
Branchetti scalda l'estate di Canale 5. Monica Maggioni nel prime time di Rai3

Talk e programmi d'informazione, novità e debutti a sorpresa

Branchetti scalda l'estate di Canale 5. Monica Maggioni nel prime time di Rai3


in vetrina
Carrefour si conferma azienda inclusiva: premiata per la parità di genere

Carrefour si conferma azienda inclusiva: premiata per la parità di genere


motori
Nuova MINI Cooper 5 Porte: innovazione e stile in dimensioni compatte

Nuova MINI Cooper 5 Porte: innovazione e stile in dimensioni compatte

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.