A- A+
Esteri
Francia, Macron vince il secondo turno delle Legislative


I numeri differiscono da proiezione a proiezione, ma la netta vittoria del movimento del presidente francese Emmauel Macron è indiscutibile: En Marche! ha conquistato la maggioranza assoluta all'Assemblée Nationale, la stima meno favorevole è 311 seggi su 577, la più alta gli assegna fra i 395 e 425 scranni. Come previsto, una delle più grandi maggioranze della Quinta Repubblica, che lascia agli altri partiti solo le briciole e permetterebbe al partito del capo dell'Eliseo di governare anche senza l'apporto degli alleati centristi MoDem.

Tra i dati emersi poco dopo la chiusura dei seggi c'è la vittoria di Marine Le Pen, che entra per la prima volta in Parlamento. La leader del Front National ha vinto il ballottaggio contro l'avversaria di En Marche! nella circoscrizione di Pas-de-Calais dove per due volte aveva fallito. Ma nel complesso il Front National esce deluso da queste elezioni: sperava in almeno 15 seggi ma non dovrebbe andare oltre i sei. Sconfitta ancora più cocente per il Partito socialista, che dalla maggioranza passa a non più di 49 seggi: il segretario Jean-Christophe Cambadelis si è dimesso assumendosi la responsabilità della sconfitta e annunciando che gli subentrerà una "segreteria collettiva". Tengono i Repubblicani (centrodestra) che manderebbero all'Assemblea oltre 100 deputati. E può dirsi soddisfatto il leader della sinistra radicale Jean-Luc Melenchon che si aggiudica una trentina di seggi.

I francesi sono andati al voto con il contagocce per il secondo turno delle elezioni legislative: ha votato soltanto il 57% degli aventi diritto. In fondo, ciò che restava in ballo era solo l'entità dell'affermazione di En Marche. C'è inoltre da considerare che questa era la quarta tornata elettorale in meno di due mesi. L'astensione è comunque un dato politico ed entra in molti dei commenti a caldo. Non a caso Marine Le Pen afferma che la scarsa partecipazione "deligittima il Parlamento" e sostiene che "Macron ha fatto precipitare il Paese nell'indifferenza".
 
Questo risultato "è una chance per la Francia", il primo commento della presidente di En March!, Chaerine Barbaroux che ha sottolineato come gli elettori abbiano espresso una "maggioranza chiara, stabile e coerente, per realizzare le grandi priorità del contratto concluso tra Emmanuel Macron e i francesi".

Tags:
francia elezioni macron
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.