A- A+
Esteri
Gaza, scatta la tregua di 72 ore. L'Onu contro gli Usa: "Armano Tel Aviv"

E' scattata alle 8 (le 7 in Italia) la tregua di 72 ore a Gaza. Gli Usa hanno chiesto a israeliani a palestinesi di approfittare dell'"opportunita' di tranquillita'" per arrivare a un cessate-il-fuoco duraturo dopo 24 giorni di conflitto che ha causato la morte di piu' 1.400 palestinesi e di 56 soldati israeliani. Il segretario di Stato Usa John Kerry ha spiegato che l'accordo obbliga le parti a "interrompere tutte le attivita' militari e offensive". Israele, ha aggiunto, "potra' continuare le sue operazioni difensive nei tunnel scavati nella Striscia di Gaza e i palestinesi potranno ricevere aiuti umanitari (alimenti e medicinali), curare i feriti, seppellire i morti. La Casa Bianca ha chiesto alle parti di avviare "immediatamente" negoziati al Cairo e gli Usa ne sono "pronti a sostenere l'esito positivo, lavorando con Israele, l'Autorita' nazionale palestinese (Anp), l'Egitto, l'Onu e gli altri alleati della regione".

Il premier Benjamin Netanyahu ha annunciato che non accetterà alcun cessate-il-fuoco che tenti di impedire a Israele di distruggere tutti tunnel scavati dai miliziani.

"Siamo determinati a compiere la nostra missione, con o senza il cessate il fuoco", ha detto parlando in apertura di una ennesima riunione del gabinetto di sicurezza. "E dunque non accettero' alcuna proposta (di tregua) che non consentira' all'esercito di completare questo lavoro, (necessario) per la sicurezza dei cittadini israeliani".

I tunnel sono quelli utilizzati dai miliziani palestinesi della Striscia di Gaza per cercare di infiltrarsi dall'enclave costiera in territorio israeliano. E a conferma che Israele potrebbe allargare ulteriormente l'offensiva, stamane l'esercito ha richiamato altre 16mila riservisti.

Mercoledi' si e' riunito per cinque ore il gabinetto di sicurezza e ha deciso all'unanimita' di continuare gli attacchi contro gli "obiettivi terroristici" di Hamas. Una nuova riunione degli otto ministri e' prevista per il pomeriggio. Intanto il generale Sami Turgeman, responsabile delle truppe a Gaza, ha detto che la distruzione di tutti i tunnel e' ormai "questione di giorni".

Gli Usa del resto, nonostante le taglienti critiche all'attacco israeliano alla scuola dell'Unrwa, hanno confermato di aver rifornito di armi lo Stato ebraico, do avergli cioe' ricostituito le munizioni (granate e colpi di mortaio) che si sono andate esaurendo in queste settimane.

Non a caso l'Alto Commissario per i Diritti Umani dell'Onu, Navi Pillay, si e' scagliato proprio contro Washinton che rifornisce di materiale bellico l'esercito israeliano e non fa a sufficienza per fermare l'offensiva contro Gaza, "Gli Usa hanno influenza su Israele e dovrebbero fare di piu' per fermare le morti, per mettere le parti nel conflitto (sedute a un tavolo) a dialogare", ha detto Navi Pillay. "Non solo forniscono a Israele artiglieria pesante usata da Israele a Gaza, ma hanno prestato quasi un miliardo do dollari perche' Israele creasse una protezione contro i razzi per proteggere la popolazione civile israeliana. Un protezione su cui non possono contare i civili a Gaza".

La presidente della Caera, Laura Boldrini, ha osservato che "quando si uccidono i bambini, si alimenta l'odio e questo ammazza la pace". Intanto un gruppo di senatori Pd ha rivolto un appello al ministro, Federica Mogherini: "Serve una forza di interposizione dell'Onu", dicono.

Tags:
gaza
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”

Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.