A- A+
Esteri
Germania e Italia incerte di fronte al totalitarismo dell'Isis

 

Di Ernesto Vergani

Dopo l'intesa tra il presidente francese François Hollande e il primo ministro britannico David Cameron, che chiederà al Parlamento il via libera ai bombardamenti, sta nascendo quella coalizione unica, di cui il promotore è il capo di Stato della Francia, colpita dalle stragi del 13 novembre.
Hollande, dopo l'incontro col presidente americano Barack Obama, vedrà domani la cancelliera Angela Merkel e riceverà giovedì all'Eliseo il presidente del Consiglio Matteo Renzi. Già il presidente russo Vladimir Putin considera i francesi come alleati.

Putin con un'immagine efficace ha paragonato lo Stato islamico ad Adolf Hitler. Il nuovo ordine auspicato da Hitler prevedeva la creazione di uno stato pangermanista basato sull'ideologia nazional-socialista, in un'ottica espansionista verso l'Europa orientale, come anche l'eliminazione fisica, l'espulsione o la riduzione a manodopera dei nemici.

Più volte il leader dell'Isis al-Baghdadi ha auspicato di estendere il califfato fino a Roma e in Spagna. Il web è pieno di mappe con l'Isis che si espande in Medio-Oriente, nell'Est Europa e in Africa centro-settentrionale.

Da un lato l'orrore delle decapitazioni (in tono infinitamente e incommensurabilmente minore, sia numericamente che programmaticamente, il corrispettivo dei lager nazisti) e delle donne yazide ridotte a schiave sessuali. Dall'altro lato il terrorismo e la paura nelle città europee, situazione che sta mettendo a rischio la democrazia (e anche la libertà degli islamici non conniventi, quelli senza se e senza ma).

Così si sta ricreando quella grande alleanza che sconfisse il nazi-fascismo. E può essere anche non un paradosso il fatto che i più riluttanti ad annientare il totalitarismo dell'Isis siano i due paesi che sperimentarono sulla propria pelle il totalitarismo: Germania e Italia. Per questo sarebbe auspicabile che i leader dei due paesi, Angela Merkel e Matteo Renzi, spiegassero chiaramente le ragioni della partecipazione   o meno nella coalizione anti Isis.
 

Tags:
isis
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.