A- A+
Esteri

Spunta una nuova versione sui fatti avvenuti sulla Enrica Lexie, il 15 febbraio 2012: ad uccidere i due pescatori indiani non sarebbero stati i due marò sotto processo, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. Dalle indiscrezioni emerse dal rapporto dell'ammiraglio Alessandro Piroli, il più alto ufficiale in grado inviato in India all'indomani dei fatti, a causare la tragedia non furono i colpi partiti dai fucili di Latorre e Girone, ma di altri due militari.

maro latorre girone

Il rapporto, in mano al governo italiano dal maggio 2012, ricostruisce l'incidente avvenuto sulla Enrica Lexie e fornisce una versione dei fatti che trova l'elemento più delicato nelle prove balistiche effettuate dalla polizia indiana alla presenza di ufficiali dei Ros e del Ris dei carabinieri. Secondo quanto riportato dal quotidiano "La Repubblica", i 4 proiettili analizzati (due trovati sul peschereccio e due nei corpi dei due pescatori uccisi) sarebbero risultati di calibro Nato 5,66mm, fabbricati in Italia, ma i fucili dai quali sono partiti i colpi mortali non sarebbero quelli di Girone e Latorre, bensì di altri due dei sei membri del Nucleo del Battaglione San Marco.

 

Tags:
fuilimarògiallo
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.