A- A+
Esteri
Giochi di guerra, Cina simula battaglia nel Mar Giallo

La Cina non ha perso tempo a ribattere con i fatti alla nuova strategia militare nazionale Usa, annunciata dal Pentagono, e nella quale si denunciano le minacce per la sicurezza globale dalla Russia e della stessa Repubblica Popolare, giudicata sempre piu' aggressiva. La Marina di Pechino ha infatti tenuto nel Mar Giallo una maxi-esercitazione che ha visto il coinvolgimento di navi da guerra, aerei da combattimento e forze terrestri, come pure l'impiego di ingenti risorse offensive: "Vari missili, decine di siluri e centinaia di proietti di artiglieria", in gran parte di ultimissima generazione e tutti perfettamente funzionanti, come ha precisato l'agenzia di stampa ufficiale Xinhua, con l'obiettivo di "intercettare bersagli di superficie, subacquei e avio-trasportati". Si e' trattato di una novita' assoluta in quanto "per la prima volta" sono state condotte manovre navali di rifornimento missilistico in combattimento", simulando cosi' quanto potrebbe avvenire nel corso di una battaglia vera e propria.

Per le operazioni, sempre stando alla 'Xinhua', e' stato ricreato un "contesto elettro-magnetico complesso": in altre parole, sono state testate capacita' offensive e difensive di natura cibernetica ed elettronica, che gli esperti considerano ormai le armi del futuro prossimo. Un monito a 360 gradi nei confronti di Washington ma anche degli avversari regionali, tradizionali come Taiwan, il Giappone e il Vietnam o di piu' recente emergenza quali Filippine, Malaysia e Brunei, in perfetta linea con gli intenti programmatici esposti lo scorso gennaio dal ministero della Difesa cinese, che parlo' esplicitamente di "incremento delle capacita' belliche per imporsi in conflitti locali", e ribaditi ancora in maggio dal Consiglio di Stato, l'esecutivo centrale di Pechino.
Per il momento soltanto verbale invece la replica di Mosca: il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha denunciato "l'atteggiamento conflittuale e privo di qualsiasi obiettivita'" assunto da parte americana che, ha sottolineato ancora Peskov, "come e' ovvio difficilmente contribuira' ai tentativi di indirizzare le relazioni bilaterali nella direzione di una normalizzazione".

 

Tags:
cinaguerra
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.