A- A+
Esteri
Giordania, la vendetta contro l'Isis continua. "Bombe a Mosul"

La violenta reazione della Giordania dopo la spietata esecuzione del pilota arso vivo non si ferma. Dopo aver ucciso due terroristi prigionieri continua l'azione repressiva contro l'Isis. Bombe su Mosul e vari raid. Fonti curde parlano di 55 morti.

Il mondo arabo insorge indignato contro la barbara uccisione del pilota giordano prigioniero dell'Is. La reazione più dura è arrivata naturalmente da Amman. Il portavoce del governo ha annunciato che "la Giordania farà tremare la terra" sotto lo Stato Islamico. E in serata account Twitter vicini ai peshmerga curfi hanno riferito che "la Giordania ha bombardato Mosul uccidendo 55 membri dell'Isis tra cui un loro leader, Abu-Obida AL-Tunisian". Altre fonti, sempre vicine ai curdi, parlano di 37 uccisi in raid condotti su "al-Kesk" una località nella zona ovest di Mosul.

Tags:
giordania
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.