A- A+
Esteri
Guerra delle spie, Londra chiede l'arresto di due russi
Foto LaPresse

Dopo sei mesi di meticolose indagini, Scotland Yard ha identificato gli autori dell’attacco con il gas nervino Noviciok contro l’ex-spia russa doppiogiochista Sergej Skripal. E come più volte affermato dal governo di Theresa May i nomi degli accusati portano a Mosca: resta da vedere con quali eventuali legami con il Cremlino o i servizi di sicurezza.

Un comunicato della polizia e della procura di Londra afferma di avere “prove sufficienti” per chiedere l’incriminazione di due uomini, Aleksandr Petrov e Ruslan Boshirov, entrambi intorno ai 40 anni, entrati in Gran Bretagna con passaporto russo atterrando all’aeroporto di Gatwick il 2 marzo scorso su un volo proveniente da Mosca. Le autorità britanniche dicono di sapere che i due sospetti hanno dormito una notte al City Stay Hotel di Bow road, nell’est di Londra, fuori dal centro della capitale, per poi trasferirsi il 4 marzo a Salisbury, la cittadina nel sud dell’Inghilterra dove l’ex-agente segreto Skripal e la figlia Julia sono rimasti contaminati dal gas.

Theresa May interviene ai Comuni e conferma: "I due uomini sono agenti dei servizi militari russi del Gru,  un'organizzazione estremamente disciplinata, con una catena di comando ben definita. L'operazione quasi certamente è stata autorizzata anche all'esterno del Gru, ad un alto livello dello stato russo".

Scotland Yard ritiene che i due russi abbiano usato documenti falsi e che quindi le loro generalità possano essere altre. La magistratura non chiede alla Russia di consegnarli, perché non esiste un trattato di estradizione con Mosca. Del resto richieste analoghe per i sospettati dell’assassinio dell’ex-spia Aleksandr Litvinenko con il polonio radioattivo a Londra nel 2006 sono state respinte dal governo russo.

In ogni caso la procura osserva che Petrob e Boshirov sono ora ricercati per tentato omicidio nei confronti di Skripal e della figlia, entrambi sopravvissuti dopo un lungo ricovero in ospedale, di un poliziotto a sua volta contaminato e ricoverato per alcuni giorni, il sergente Nick Bailey, e per l’uso di un’arma di distruzione di massa come il gas nervino. Decine di abitanti di Salisbury hanno sofferto disturbi.

A qualche mese di distanza, due di loro, raccogliendo quella che credevano essere una boccetta di profumo in un parco della città, sono rimasti anch’essi contaminati. La donna, Dawn Sturgess, è morta dopo qualche giorno; l’uomo, Charlie Rowley, è stato rilasciato d’ospedale ma è ora di nuovo ricoverato in serie condizioni. La magistratura tuttavia non ha ancora incriminato i due russi in relazione a quanto è loro accaduto.

Commenti
    Tags:
    guerra di spielondraattacco spia russa
    in evidenza
    Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

    La ricerca sfata i luoghi comuni

    Iodio, non solo nell'aria di mare
    Come alimentarsi correttamente

    i più visti
    in vetrina
    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


    casa, immobiliare
    motori
    Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”

    Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.