A- A+
Esteri
Guerra in Siria: Theresa May "Thatcher de Noantri"
Foto LaPresse

Nel Regno Unito si muovono cose, nel senso che da quando è comparsa sulla scena politica d’Oltremanica Theresa May e, nel contempo, è completamente sparito dalla scena politica James Cameron suo predecessore a Downing Street, gli atavici istinti imperialisti del Regno Unito hanno trovato nuova linfa e protagonismo.

Già inglesi si sono sempre considerati un popolo a sé stante nell’ambito della comunità europea, non avendo mai aderito all’Euro né tanto meno al trattato di Schengen, né alla guida continentale e neppure alleo standard sulle prese elettriche, ma con la May hanno addirittura lasciato l’Unione Europea (Brexit), senza però voler ridurre minimamente i loro privilegi, forti dell’asse atlantico con Washington.

La May, “Thatcher de noantri”, non contenta di essere stata miracolata dal ritiro di Cameron ha insistito per avere una sua legittimazione popolare e per poco gli inglesi non l’hanno rispedita a casa.

Da qualche mese è impegnata in una estenuante “guerra” con la Russia per fatti di spie e da ultimo ha partecipato al bombardamento in Siria insieme a Emmanuel Macron, che non vede l’ora di porsi alla guida della Unione.

La May non può pensare di ricorrere alla Ue solo quando le fa comodo per risolvere i suoi problemi con Putin o con l’avversario di turno e i continentali dovrebbero ricordarglielo un po’ più spesso. Il tempo dell’Impero è finito come i relativi benefici.

L’Italia dovrebbe farsi sentire prendendo posizioni nette e precise, se solo avesse un governo.

 

 

Tags:
theresa mayemmanuel macronvladimir putinunione europeamargaret tatcher
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Citroën Ami 100% ëlectric, entra in servizio al Genova City Airport.

Citroën Ami 100% ëlectric, entra in servizio al Genova City Airport.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.