A- A+
Esteri
Islam, esplode l'ira sciita contro Riad per l'imam giustiziato

L'Arabia Saudita innesca un nuovo violentissimo scontro settario tra sciiti e sunniti che infiamma il Medio Oriente. Tutto comincia a Riad con un numero di esecuzioni capitali record - ben 47 - tra cui quella di un noto religioso sciita, Nimr al Nimr, l'uomo che nel 2011 aveva cercato di portare nella Provincia orientale, l'unica a maggioranza sciita, gli ideali della primavera araba. Un atto che scatena la rabbia dell'Iran e le proteste delle fazioni sciite in Iraq, Libano, Yemen e Bahrein e in molti altri paesi musulmani.

E così a Teheran viene presa d'assalto l'ambasciata saudita - ma poi la polizia iraniana arresta 40 manifestanti - mentre a Mashad, nel nord dell'Iran, viene incendiato il consolato. Riad convoca l'ambasciatore iraniano accusando Teheran di "sponsorizzare il terrorismo".

La Guida suprema iraniana Ali Khamenei invoca "vendetta divina" e scrive sul suo sito web: "Senza dubbio l'illegittimo spargimento di sangue di questo martire innocente avrà un effetto rapido e la vendetta divina si abbatterà sui politici sauditi". L’ayatollah parla di "errore politico" del governo saudita, sottolineando che sottolineato che l'imam al-Nimr non aveva né invitato la gente ad armarsi, né aveva preparato complotti segreti: "L'unica cosa che ha fatto è stata quella di criticare pubblicamente" il regime. E, rivolto ai Paesi occidentali 'alleati' dell'Arabia Saudita: "Perché non hanno detto nulla coloro che affermano di sostenere i diritti umani? Perché coloro che pretendono di sostenere la democrazia e la libertà supportano questo governo saudita".

Anche il presidente iraniano iraniano Hassan Rohani condanna l'esecuzione dello sceicco sciita al-Nimr, affermando che è un atto che "viola i diritti umani e i valori islamici". In un tweet Rohani porge anche le sue condoglianze alla famiglia del religioso e al mondo islamico.

Intanto gli Stati Uniti esortano tutti i leader del Medioriente a "raddoppiare gli sforzi" per disinnescare le tensioni."Riaffermiamo il nostro invito al governo saudita a rispettare e proteggere i diritti umani e a garantire procedimenti giudiziari equi e trasparenti",afferma John Kirby, portavoce del Dipartimento di Stato Usa in un comunicato.

Anche il segretario generale delle Nazioni unite Ban Ki-Moon si è detto "profondamente turbato" dalle esecuzioni capitali in Arabia Saudita e ha invitato "tutti i leader della regione a lavorare per evitare che le tensioni settarie vengano esacerbate".

Tags:
guerraislamsciitisunnitiviolenzearabia suaditairan
in evidenza
Nicole Minetti su Instagram Profilo vietato agli under 18

Le foto valgono più delle parole...

Nicole Minetti su Instagram
Profilo vietato agli under 18

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia

Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.